Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimo Giannini, finti giornalisti agenti segreti: sorvegliavano gli sceicchi. La Stampa non c'entra

  • a
  • a
  • a

Facevano finta di essere giornalisti del quotidiano italiano La Stampa, ma erano agenti segreti israeliani che cercavano di raccogliere informazioni per screditare la leadership degli Emirati Arabi. E' stato lo stesso giornale diretto da Massimo Giannini a dare la notizia, emersa da una inchiesta del Daily Beast. L'azione sarebbe stata condotta da Bluehawk CI, una società di investigazioni private con sede in Israele. La Stampa spiega che all'inizio dello scorso anno si sono spacciati per ricercatrice di Fox News e giornalista del quotidiano italiano due che hanno "approcciato uomini coinvolti in contenziosi contro Ras Al Khaimah, uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti. Gli impostori hanno tentato di carpire dai loro interlocutori informazioni circa le azioni legali che li vedono contrapposti alla leadership dell'Emirato".

E' stato creato su Facebook addirittura un profilo falso di Julia, presunta giornalista de La Stampa, tra l'altro usando nome e foto di utenti reali per poter arrivare a Kather Massaad, cittadino con doppio passaporto svizzero e libanese che ha lavorato come capo del fondo sovrano Rakia sino al 2012. Nel 2015 i giudici lo hanno condannato in contumacia per l'appropriazione indebita di fondi. Il Daily Beast spiega che "la falsa giornalista italiana si è avvicinata a Massaad tramite un messaggio Facebook chiedendo di discutere il suo rapporto con il governo di Ras Al Khaimah".

L'uomo si è insospettito e secondo la testata ha fatto bene visto che "il curioso giornalista era invece un agente legato a Bluehawk CI". E sembra che a smascherare i due sia stato proprio Facebook, segnalando il falso profilo di cronista de La Stampa e adottando provvedimenti immediati. La testata italiana, dunque, non c'entrava niente con la vicenda. Il direttore Massimo Giannini questa mattina, venerdì 8 aprile, lo ha ribadito su Radio 1 Rai, spiegando che ovviamente il suo giornale e i giornalisti sono completamente estranei allo spionaggio.