Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Thailandia, medici sbalorditi: paziente con verme solitario di 18 metri. Trovata la causa

  • a
  • a
  • a

Scoperta choc in Thailandia. Un uomo di 67 anni della provincia di Nong Khai si è presentato in ospedale dicendo di soffrire di una forte flatulenza dai primi giorni di marzo ma, in seguito a un’analisi delle feci, i medici hanno scoperto la presenza di 28 larve infette.

 

 

La notizia viene riferita dal sito dagospia.com con dovizia di particolari. I sanitari hanno prescritto all'uomo dei medicinali, il paziente è tornato quindi a casa dove il 20 marzo scorso ha espulso il gigantesco parassita.

Alcuni filmati presi dal centro per le malattie parassitarie mostrano due medici sbalorditi mentre versano dell’acqua sopra il parassita gigantesco. Hanno poi utilizzato un paio di pinze per srotolare la tenia e adagiarla su un tappetino di plastica rosso. I dottori affermano che il parassita era il più grande mai visto in Thailandia negli ultimi 50 anni. Ci si interroga su cosa abbia mangiato. E anche qui, la fonte riporta una risposta, la più credibile. Si crede infatti che l’uomo abbia ingerito del manzo crudo che conteneva larve infette.

 

 

Il paziente, dopo questa esperienza, è stato avvertito di cambiare le sue abitudini alimentari. Il dottor Schawanya Rattanapitoon, che ha guidato il team di medici, ha detto che "la presenza era dovuta all’ingerimento di manzo crudo; questi parassiti possono vivere negli umani fino a 30 anni. Anche se oggigiorno non sopravvivono a lungo grazie alle medicine e ai trattamenti di alta qualità".

Dagospia riporta che i medici hanno poi suggerito al resto della famiglia del paziente di sottoporsi a test clinici per scoprire se anche loro avessero dei parassiti, e di smettere di consumare manzo crudo.

Una vicenda che nel giro di pochissimo tempo ha fatto il giro del web.