Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Principe Filippo, "grazie ai medici": ha lasciato l'ospedale ed è tornato al castello di Windsor

  • a
  • a
  • a

Il principe Filippo torna a casa.  Il duca di Edimburgo, 99 anni, era stato ricoverato all’ospedale King Edward VII di Londra il 16 febbraio, dove era stato curato per un’infezione. Poi il 1° marzo era stato trasferito in una clinica specializzata in malattie cardiache, il St Bartholomew’s Hospital, dove è stato sottoposto a un intervento per condizioni cardiache pre-esistenti. Successivamente è stato riportato nuovamente al King Edward VII. Per lui si è trattato della permanenza più lunga mai avuta in ospedale.

 

 

Ad attendere il marito della regina Elisabetta II all’uscita dall’ospedale c’erano diversi fotografi. Buckingham Palace in un primo momento non ha commentato l'uscita dall'ospedale di Filippo. La malattia di Filippo non è ritenuta collegata al coronavirus: sia il principe Filippo che la regina Elisabetta II sono stati vaccinati contro il Covid-19 a gennaio e hanno dato risalto alla vaccinazione come segnale di incoraggiamento per la popolazione a fare lo stesso.

"Sua altezza reale vuole dire grazie a tutto lo staff medico che si è occupato di lui sia all’ospedale re Edoardo VII sia all’ospedale San Bartolomeo e a tutti coloro che gli hanno mandato gli auguri"., ha affermato Buckingham Palace in una dichiarazione in cui conferma che il principe Filippo è stato dimesso dall’ospedale. Il duca di Edimburgo, 99 anni, è tornato al castello di Windsor dopo un mese di ricovero.

 

 Il marito della regina Elisabetta II era stato ricoverato all’ospedale King Edward VII di Londra il 16 febbraio, dove era stato curato per un’infezione. Poi il 1° marzo era stato trasferito in una clinica specializzata in malattie cardiache, il St Bartholomew’s Hospital, dove è stato sottoposto a un intervento per condizioni cardiache pre-esistenti. Successivamente è stato riportato nuovamente al King Edward VII, da cui è uscito oggi, a bordo di un’auto nera, mentre ad attenderlo c’erano diversi fotografi.