Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Harry e Meghan, principe William parlerà col fratello: "Famiglia reale non è razzista"

  • a
  • a
  • a

L'erede al trono, principe William, fratello di Harry che con la moglie Meghan ha rilasciato una intervista bomba lanciando accuse alla famiglia reale britannica, ha replicato in maniera perentoria ai Sussex, "Non siamo una famiglia razzista",  ha detto il principe William, in relazione alle accuse di razzismo lanciate da Meghan Markle nel corso dell’intervista rilasciata insieme al principe Harry a Oprah Winfrey. Il duca di Cambridge, riporta Sky News, ha detto di non avere ancora parlato col fratello Harry, ma che intende farlo. 

 

 

Il principe William è intervenuto nella vicenda delle accuse lanciate dal fratelleo Harry e dalla moglie Meghan nel corso di una visita in una scuola londinese, insieme alla consorte Kate. Alla domanda di un giornalista se avesse parlato col fratello dopo l’intervista-bomba dei giorni scorsi, William ha risposto: "No, non ho ancora parlato con lui, ma lo farò". Alla successiva domanda, se la Famiglia Reale sia una famiglia razzista, il principe ha replicato: "Non siamo affatto una famiglia razzista". Le accuse di razzismo all’interno della Royal Family sono state lanciate da Meghan Markle nel corso dell’intervista tv a Oprah Winfrey.

 

Secondo la consorte del principe Harry, all’interno della Famiglia Reale erano state sollevate «preoccupazioni» riguardo al colore della pelle del loro primogenito, Archie. Meghan e Harry non hanno però rivelato l’identità del membro della Famiglia Reale che avrebbe espresso tali "preoccupazioni". 

Per la cronaca il duca di Cambridge ha rilasciato il commento durante una visita in una scuola di East London ed è il primo reale a rispondere e a parlare in modo diretto dei contenuti dell’intervista. Buckingham Palace ha rilasciato una dichiarazione di 61 parole a seguito delle affermazioni dei duchi di Sussex, senza però riuscire a sedare la controversia. Un caso che si è appena aperto e che in Gran Bretagna (e non solo) fa ancora discutere.