Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marte, questa sera l'atterraggio del rover Perseverance. Sette minuti di terrore verso il pianeta rosso

  • a
  • a
  • a

Nella serata del 18 febbraio (alle 21.30 ora Italia) è atteso l'atterraggio su Marte del rover Perseverance. A quell'ora la missione della Nasa Mars 2020 entrerà nella sua fase più delicata e complessa: ossia la fase di discesa e atterraggio dell'astronave nei pressi del cratere Jazero dove, ipotizzano gli scienziati, miliardi di anni fa poteva esserci acqua e dunque forme primordiali di vita. Il rover è il primo equipaggiato per studiare eventuali tracce lasciate da microbi marziani.

 

Ma per arrivare sul pianeta rosso Perseverance deve superare la prova più dura. Quella dell'atterraggio. Dalla Nasa hanno parlato di "7 minuti di terrore", ossia le delicate fasi del viaggio verso Marte: l'ingresso, la discesa e l'atterraggio. Una serie di manovre che dovranno frenare la corsa dell'astronave da una tonnellata che viaggia a 19.000 Km/h.

 

 

Le operazioni inizieranno a 10 minuti dall'ingresso nell'atmosfera di Marte. A 3500 km dall'obiettivo e a 1600 km di quota dalla superficie di Marte, il modulo di atterraggio si sgancerà dallo stadio di crociera che ha sostenuto Perseverance durante il suo volo dalla Terra a Marte. Razzi per il controllo dell'assetto fermeranno la rotazione dell'astronave, che durante la crociera ruota su stessa, e verranno sganciate due zavorre da 70 kg ciascuna. A quel punto l'atterraggio sarà ammorbidito con un paracadute. Il rover avvierà sensori e telecamere che inizieranno a raccogliere dati. A 1 minuto e 25 secondi all'atterraggio verrà attivato un sistema di riconoscimento automatico del terreno per individuare l'area più sicura per toccare Marte. Tramite le telecamere viene analizzata la superficie dal computer di bordo che confronterà le immagini con le mappe della missione, correggendo se necessario la rotta. Il tutto avverrà in soli 6 secondi. C'è grande attesa alla Nasa per una missione dalla quale si attendono dati utili per continuare lo studio sulle forme di vita presenti miliardi di anni fa sul pianeta rosso.