Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

India 15 morti e 160 dispersi dopo crollo di un ghiacciaio | Video

  • a
  • a
  • a

Crollo di un ghiacciaio nel nord dell'India, sono almeno 15 le vittime e 160 i dispersi. Il crollo del ghiacciaio, avvenuto ieri 7 febbraio,  ha provocato una valanga e delle inondazioni devastanti nel nel distretto di Chamoli, nello stato di Uttarakhand, a ridosso dell'Himalaya, danneggiando due centrali idroelettriche e cinque ponti, spazzando via diverse strade.

Tutti i villaggi della zona sono stati evacuati. Sono stati recuperati, finora, 15 corpi durante le operazioni di soccorso che coinvolgono una vasta area. La conferma è arrivata dalla polizia indiana. Sono invece 25 le persone ritrovate vive delle 205 che inizialmente risultavano disperse ha detto nella mattinata dell'8 febbraio il capo della polizia di Uttarakhand, Ashok Kumar, precisando che sono in corso le operazioni per cercare di salvare una trentina di operai intrappolati in un tunnel. Molti di loro lavoravano in una centrale idroelettrica della zona Impressionanti le immagini del crollo del ghiacciaio in una diga di un impianto idroelettrico. che circolano sui social. Il crollo  in un’onda di piena fatta di ghiaccio e detriti che ha travolto tutto ciò che ha trovato. Centinaia di soldati, paramilitari e mezzi di soccorso sono stati inviati nella regione per aiutare nelle ricerche. Gli esperti locali stanno indagando sull’incidente anche se non è ancora chiaro cosa possa aver causato l’esplosione del ghiacciaio forse imputabile al cambiamento climatico come per altro minacciato da anni da diverse ricerche sull’area himalayana. 

"Sto costantemente monitorando la sfortunata situazione in Uttarakand. L'India è con l'Uttarakhand e la nazione prega per la sicurezza di tutti. Parlo continuamente con le autorità di soccorso locali e ricevo aggiornamenti sulle operazioni di soccorso", ha scritto su Twitter il premier indiano Narendra Modi. Il bilancio della tragedia rimane parziale perché il crollo del ghiacciaio nel fiume Dhauliganga ha coinvolto, come già detto, una vasta area dove lavorano numerose persone nelle centrali idroelettriche.