Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Usa, Biden: "Con Cina competizione estrema. In Xi neanche un briciolo di democrazia"

  • a
  • a
  • a

Toni da guerra fredda tra Stati Uniti e Cina, a pochi giorni dall'insediamento del nuovo presidente, il democratico Joe Biden. Il presidente cinese Xi Jinping "è molto intelligente e tosto. Non ha - e non lo dico come una critica, è solo la realtà - neanche un briciolo di democrazia",ha dichiarato il presidente Biden in un’intervista alla Cbs che andrà in onda poco prima dell’inizio del Super Bowl e della quale sono state diffuse alcune anticipazioni.

 

"La questione è, come gli ho sempre detto, che non dobbiamo avere un conflitto. Ma ci sarà una competizione estrema" tra i due Paesi, ha aggiunto Biden. Un confronto tra i due Paesi che non sarà "nel mondo in cui lo ha fatto Trump" e "ci concentreremo sulle regole internazionali", ha assicurato Biden, smorzando i toni. Poi, sempre in tema di politica estera, un passaggio sull'Iran. Parlando del medio Oriente, Biden ha detto che gli Usa non revocheranno le sanzioni all’Iran se prima Teheran non fermerà l’arricchimento dell’uranio oltre i livelli consentiti. "No" ha risposto Biden alla giornalista della Cbs che gli ha chiesto se gli Stati Uniti hanno intenzione di fare il primo passo e di togliere le sanzioni per riportare l’Iran al tavolo dei negoziati. Alla successiva domanda, "(gli iraniani, ndr) devono prima fermare l’arricchimento dell’uranio?", Biden ha replicato annuendo. 

 

In base all’accordo sul nucleare iraniano del 2015 (Jcpoa), gli Stati Uniti e altre potenze mondiali hanno concordato di revocare le sanzioni economiche contro l’Iran in cambio di limiti al programma nucleare del Paese. L’ex presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nel 2018, reintroducendo le sanzioni, mentre Biden ha detto che intende rientrare nel Jcpoa. All’inizio di gennaio, l’Iran ha annunciato di aver ripreso l’arricchimento avanzato dell’uranio, in aperta violazione dei termini dell’accordo del 2015. Le autorità di Teheran affermano che torneranno a rispettare gli impegni assunti solo quando gli Usa ritireranno le loro sanzioni.