Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, si allungano i tempi di attesa per il russo Sputnik V e l'italiano Reithera 

  • a
  • a
  • a

Le varianti di Covid nel mondo sono circa 4mila. Tutte le case farmaceutiche impegnate nella produzione dei vaccini, a partire da Pfizer e AstraZeneca, stanno cercando di migliorare i farmaci in maniera tale che possano garantire immunità anche contro le nuove versioni del Covid 19. A riferirlo è stato Nadhim Zahawi, sottosegretario del governo britannico e responsabile della campagna di vaccinazione. Ha inoltre precisato che è "molto improbabile" che gli attuali vaccini non siano efficaci con le varianti del virus che sono state scoperte sino ad ora. 

Vaccino italiano - Per il farmaco italiano Reithera è previsto intanto un tempo di sviluppo più lento di quanto era stato prospettato inizialmente. E' stato Nicola Magrini, direttore generale dell'Aifa a spiegarlo su Radio24: "Siamo ancora alla programmazione dello studio di fase due che andrà attuato - ha detto - Penso che almeno 4-6 mesi, in funzione anche dei risultati, siano necessari per questa fase che di solito prende almeno un semestre". 

Sputnik V - Magrini ha inoltre spiegato che anche per il vaccino russo Sputnik V occorrerà ancora qualche mese. "Sono cominciati i contatti con l'Ema, penso che almeno un paio di mesi potrebbero essere necessari per fare le opportune verifiche e capire le modalità". Il direttore generale di Aifa ha spiegato che trova "le forme di fibrillazione comprensibili per il momento, però bisogna non esprimere solo fantasie o dei desiderata poco con i piedi per terra". E' stata la sua risposta quando gli è stato chiesto se si potrebbe procedere anche senza il via libera da parte dell'Ema. E ha aggiunto che "se da un lato lo studio di Lancet è più che incoraggiante, mostra dei dati decisamente importanti, allo stesso tempo il farmaco deve essere controllato secondo gli standard europei, la Russia non è in Europa, va approvato a livello centrale o comunque controllato il più possibile". Occorre quindi attendere ancora, almeno fino ai mesi primaverili