Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, nel mondo 103 milioni di casi. L'Argentina chiude ancora i confini. In Portogallo la metà dei morti è causata dal virus. In Brasile decessi nelle case

  • a
  • a
  • a

Oltre 103 milioni di casi ufficiali di Covid nel mondo. Due milioni e quasi 230 mila morti. Sono i dati della pandemia fotografati dalla Johns Hopkins University alle ore 14 di oggi, 1 febbraio. Sono sempre gli Stati Uniti il Paese più colpito: i tamponi positivi sono diventati quasi 26.2 milioni e le vittime oltre 441mila. E sono cinque le nazioni dove è stata superata la soglia psicologica dei 100mila decessi. Oltre agli Usa anche Brasile (224mila), Messico (158mila), India (154mila) e Regno Unito (106mila). 

Portogallo - Il Paese ha chiuso il mese di gennaio con 5.576 decessi provocati da Covid. Sono quasi la metà del bilancio complessivo delle vittime registrate nel territorio nazionale. Lo ha reso noto l'autorità sanitaria. Il dato rappresenta il 44.7% del totale degli oltre 12mila decessi per il virus. Secondo le autorità portoghesi le cause sono la variante inglese e gli allentamenti delle restrizioni durante le festività natalizie. 

Argentina - Il governo ha prorogato la chiusura delle frontiere fino al 28 febbraio. Il provvedimento riguarda in particolare l'ingresso nel Paese degli stranieri non residenti. Il relativo provvedimento, firmato dal coordinatore del governo Santiago Cafiero e dai ministri dell'Interno e della Salute, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale argentina.

Brasile - Nelle ultime 24 ore ha registrato 559 morti e 27.756 casi di infezione, secondo quanto riportato dalle autorità sanitarie. Dall'inizio della pandemia sono 224.504 i decessi legati al Covid 19. I casi positivi invece oltre 9.2 milioni. Il dato del tasso di mortalità nel Paese è del 2.44% e quello di incidenza di 107 decessi e 4.380 casi ogni 100 mila abitanti. Sono dati considerati particolarmente drammatici. In diverse città continuano a tenersi manifestazioni contro la gestione da parte del presidente Jair Bolsonaro. In netta difficoltà il sistema sanitario. Aumentano i decessi nelle abitazioni.