Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Presidenziali Usa, nuovo ricorso di Donald Trump alla Corte Suprema. E si fa largo l'ipotesi di legge marziale

  • a
  • a
  • a

A meno di un mese dall’insediamento di Joe Biden, Donald Trump non si rassegna alla sconfitta e raddoppia gli sforzi per rovesciare l’esito delle elezioni ormai ratificato dal Collegio Elettorale. Cosa che non gli ha impedito di presentare un nuovo ricorso alla Corte Suprema e continuare a cercare un senatore disposto ad appoggiare l’obiezione dei repubblicani della Camera alla ratifica dell’elezione di Biden durante la sessione congiunta del prossimo 6 gennaio.

 

 

Senza contare che, come è stato rivelato dai media, sta accarezzando idee estreme come la possibile invocazione della legge marziale o il sequestro di tutte le macchine elettorali per scoprire le presunte frodi. Domenica 20 dicembre Trump ha pubblicato un tweet in un cui afferma che l’idea della legge marziale è una fake news, ma i media americani insistono, citando come fonti consiglieri della Casa Bianca allarmati per la riunione che si è svolta venerdì scorso durante la quale è stata avanzata l’idea di nominare Sidney Powell, la legale teorica del complotto delle macchine elettorali, procuratore speciale dell’inchiesta su presunte frodi