Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus in Europa, aumentano i casi in Spagna, Francia e Gran Bretagna: restrizioni e proteste

  • a
  • a
  • a

La Francia ha registrato oltre 15mila nuovi casi di Coronavirus superando la soglia dei 500mila dall’inizio della pandemia. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, sono 15.797 i nuovi positivi che portano il bilancio totale a quota 513.034 infetti. La Spagna ha registrato un nuovo aumento con oltre 12mila contagi. Secondo i dati diramati dal ministero della Salute i nuovi contagi sono 12.272, di cui 4.122 diagnosticati nelle ultime 24 ore, e 120 i decessi, per un totale di 716.481 positivi e 31.232 morti dall’inizio della pandemia.

Così a Madrid le autorità hanno deciso di estendere a circa 1 milione di residenti il blocco già in vigore nei quartieri più colpiti dalle infezioni. Le restrizioni hanno riguardato principalmente le aree più povere della città, tradizionalmente abitate dagli operai. In Francia sono scoppiate le proteste dopo la stretta annunciata, con brevissimo preavviso, dal governo centrale. Centinaia di dimostranti hanno protestato a Marsiglia davanti a un tribunale contro l’ordine dell’esecutivo di chiudere tutti i luoghi pubblici. Alcuni ristoratori e proprietari di bar hanno minacciato di tenere comunque aperti i propri locali.

 Intanto la Gran Bretagna, che nelle ultime 24 ore ha registrato un nuovo record di positivi con 6.874 casi confermati, ha annunciato dei lockdown mirati nelle città più colpite. Tra queste, Leeds, dove sono state vietate le riunioni tra membri di famiglie diverse, sia all’aperto che in luoghi chiusi, Cardiff, Swansea e Llanelli in Galles. La situazione resta sotto stretta osservazione anche a Londra che potrebbe dover affrontare nuove restrizioni, oltre a quelle annunciate nei giorni scorsi dal premier britannico Boris Johnson, tra cui il coprifuoco per ristoranti e bar e multe salate per chi non rispetta la normativa.