Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' morto Toots Hibbert, il padre del reggae: era ricoverato da settembre per Coronavirus

  • a
  • a
  • a

Toots Hibbert, uno dei padri del reggae e leggenda della musica giamaicana, è morto in un ospedale di Kingston, capitale della Giamaica, all’età di 77 anni. Agli inizi di settembre il cantante, veterano dello ska, compositore e chitarrista era stato ricoverato in terapia intensiva dopo essere stato contagio dal Coronavirus. Nato come Frederick Nathaniel "Toots" Hibbert a May Pen l’8 dicembre 1942 era il leader del gruppo ska-reggae Toots The Maytals, che si era formato nei primi anni ’60 in piena epoca ska: della band facevano parte Nathaniel "Jerry" Matthias e Raleigh Gordon. The Maytals furono il primo gruppo ad usare la parola "reggae", citandolo nel brano "Do the Reggay" (1968) prodotto da Leslie Kong, che ha influenzato le successive generazioni di musicisti giamaicani. La notizia della scomparsa è stata data dalla famiglia. Le canzoni e i dischi fanno parte della leggendaria Hall of Fame del reggae: "Coxsone Dodd", "Prince Buster", "Byron Lee", "Leslie Kong". Hibbert ha scritto tra le altre canzoni "Bam Bam", "Sweet and Dandy" e "54-46 That’s My Number", quest’ultima ispirata al numero di cella in cui fu rinchiuso per scontare una pena detentiva nella metà degli anni ’60 per possesso di marijuana.