Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Beirut, due forti esplosioni nel porto: decine di feriti | Video

  • a
  • a
  • a

Due forti esplosioni si sono verificate nel pomeriggio di oggi, martedì 4 agosto 2020, a  Beirut, in Libano, mentre non sono sinora note informazioni su eventuali danni o vittime. Una colonna di fumo nero si è alzata sul centro della capitale. Alcune tv libanesi hanno riferito che l’esplosione sarebbe avvenuta al porto.

 

Diverse persone sono rimaste ferite a causa della forti esplosioni. Un fotografo di AP vicino al porto ha visto persone ferite a terra e danni significativi ai palazzi. Alcune stazioni tv hanno parlato di un possibile scoppio in un’area del porto dove sono stoccati fuochi d’artificio.

In attesa di un bilancio più preciso della forte esplosione avvenuta a  Beirut, la Croce Rossa libanese ha riferito che vi sarebbero decine di feriti, alcuni dei quali sepolti sotto le macerie. La deflagrazione, avvenuta nella zona del porto, è stata avvertita in tutta la capitale libanese, provocando scene di panico tra i cittadini.

 Non ci sono ancora conferme ufficiali sulle cause della forte esplosione. Alcune notizie non confermate riferiscono di due esplosioni, la seconda delle quali nel centro della città, nei pressi della residenza della famiglia Hariri. Si fa notare come il Tribunale speciale dell’Onu sull’assasinio dell’ex premier Rafik Hariri debba a breve emettere il suo verdetto. I quattro imputati, in contumacia, sono membri delle milizie sciite filo iraniane di Hezbollah, che hanno sempre negato di avere avuto un ruolo nella morte dell’ex premier. Da mesi il Libano soffre di una gravissima crisi economica, aggravata dalla pandemia di coronavirus, con frequenti proteste e scontri tra manifestanti e polizia.