Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

NordCorea, l'ultima di Kim Jong-un: ospedale di Pyongyang, ritardi nei lavori e il dittatore rimuove i responsabili

Problemi nella costruzione

  • a
  • a
  • a

Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, ha ripreso duramente i funzionari incaricati del progetto per la costruzione del nuovo Ospedale generale di Pyongyang, ed ha chiesto la rimozione dei responsabili dei ritardi. Lo riferiscono oggi, 20 luglio, i media ufficiali di quel paese. La struttura ospedaliera è in fase di realizzazione sulla sponda del fiume Taedong opposta alla collina di Mansu, da dove statue giganti del fondatore della Corea del Nord, Kim Il-sung, e del figlio Kim Jong-il - il padre dell’attuale leader nordcoreano - dominano la capitale Pyongyang. Il completamento dei lavori è previsto per il 10 ottobre prossimo, in concomitanza con il 75mo anniversario della fondazione del Partito del lavoro nordcoreano.

 


Kim ha definito il progetto un «compito cruciale» per il programma di sanità pubblica nazione in occasione di una cerimonia tenuta lo scorso marzo. Nei giorni scorsi, però,  Kim ha effettuato una ispezione sul sito, riscontrando «seri problemi» nell’avanzamento dei lavori, secondo l’agenzia di stampa «Korean Central News Agency» («Kcna»). La commissione incaricata del progetto avrebbe amministrato i fondi «in maniera sconsiderata, senza definire un bilancio adeguato per la costruzione». Secondo indiscrezioni citate dalla stampa sudcoreana, i lavori sarebbero ostacolati dalla difficoltà della Corea del Nord di reperire i materiali necessari, anche a causa dell’ulteriore irrigidimento delle frontiere nazionali legato alla pandemia di coronavirus.