Perugia 2019: sotto il vestito niente

Perugia 2019: sotto il vestito niente

26.10.2014 - 15:40

2

Abbiamo aspettato una settimana per sentirle tutte: "Ha vinto Matera perché lì ncè manco la ferrovia", "C'han solo i sassi", "C'è qualcosa sotto perché nnè possibile" e così via fino al più radicale, ma anche più vicino al vero, "Bella 'nculata!".
Il concorso di Capitale Europea della Cultura non premia la città più bella, ma quella con un progetto di sviluppo più credibile ed interessante. Ed è proprio da ricercarsi nella scollatura tra partecipazione ad un bando e indifferenza verso il contesto cui si riferiva, il motivo del fallimento della nostra candidatura.
Venerdì 10 ottobre, ore 20.30, Piazza IV Novembre. Aperitivo al negozio di un amico, aperto come qualche altro per onorare l'ultimo sopralluogo dei commissari europei. Mi affaccio sulla piazza con un po' di bianco e il rimasuglio di un sandwich tonno e carciofini quando arriva il pulmino della giuria, che scarica i passeggeri davanti alla Fontana. Una banda musicale si fa incontro ai nuovi venuti suonando "Finché la barca va", intramontabile successo di Orietta Berti. La stessa banda segue la giuria in una vasca istituzionale per Corso Vannucci, addobbato con un filmato d'arte contemporanea proiettato su Palazzo dei Priori, che viene spento non appena i commissari se ne vanno, senza essere riproposto nei giorni successivi. Se per la qualità del video ciò è senz'altro un bene, per la concezione che c'è dietro si tratta di un gesto inquietante: l'arte è per i commissari, non per i cittadini. Nel pieno di questo show, un signore ci passa davanti correndo a tutta, prima di desistere e chiedere se fosse passato qualcuno di sospetto. L'avevamo visto un corridore poco credibile, ma non immaginavamo scappasse con l'I-phone rubato in pieno centro. Un furto come tanti, che nel caso specifico ha saputo tracciare ben evidenti i due piani della vicenda Perugia 2019: la realtà a pochi passi e la finzione qualche metro dietro.
Venerdì 17 ottobre, ore 17. Diretta streaming del verdetto. Il discorso del presidente di giuria è lapidario, fa riferimento ad un unico criterio seguito nella scelta: la PARTECIPAZIONE. Mentre articola questa parola, l'intera città di Matera è in piazza ad attendere il responso davanti a un maxi-schermo; la sera stessa è programmata una grande festa cittadina, il "Comunque Vada Party". A Matera hanno basato la candidatura sulla possibilità di perdere, avviando un percorso in grado di proseguire anche in caso di sconfitta.
Evidentemente, attivare la città contava più che leccare il pelo alla giuria. Franceschini annuncia Matera capitale e in piazza scoppia una festa da vittoria dei mondiali. Nello stesso momento i fautori della nostra candidatura stanno con le dita incrociate in qualche salottino, mentre in piazza (la nostra) si trovano in ordine sparso: un animatore sui trampoli, uno stand che copre la Fontana pubblicizzando l'Expo 2015 e le note di "Gelato al cioccolato" di Pupo, che gli organizzatori di Euro Chocolate interpretano in senso più letterale rispetto a quello di Cristiano Malgioglio, che la scrisse di ritorno dalla Tunisia.
Non c'era niente sotto il vestito di Perugia 2019, come nel famoso thriller di Carlo Vanzina. Con la differenza che la nostra non era una conturbante modella, bensì un attaccapanni vestito di striscioni, simbolini e hashtag, per mascherare l'assenza di lineamenti, cuore e cervello. Nella conferenza funebre del giorno dopo qualcuno ci ha provato con la retorica del percorso che continua, del seme che germoglierà, ma non sembravano crederci neppure loro. In compenso neanche un accenno di autocritica, uno spunto di riflessione, tutto perfetto: Matera ha vinto per motivi oscuri. Vorrei partecipare anch'io ad un concorso che garantisca meriti enormi in caso di successo e consenta la pacifica sottomissione a un destino ineluttabile in caso di sconfitta. I più offensivi si sono addirittura spinti a parlare di una sorta di atto di beneficenza verso Matera, che sarebbe molto più in difficoltà di noi. Ma è ora di togliersi questo ingiustificato snobismo: Perugia non gode di un primato culturale neppure a livello umbro, figuriamoci a livello nazionale o internazionale. Se a Matera sono in difficoltà, noi siamo in piena emergenza!

antonio.brizioli@libero.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MarioMontemurro

    28 Ottobre 2014 - 01:01

    ...a Matera c'è stato un coinvolgimento totale della cittadinanza. E ancor più il coinvolgimento è stato esteso con successo all'intera Regione Basilicata ed a diversi Comuni della vicina Puglia. Le città candidate son tutte una meraviglia, ma credo che il progetto e la convinta partecipazione di tantissimi lucani abbia fatto la differenza.

    Report

    Rispondi

  • Giak85

    27 Ottobre 2014 - 14:02

    Articolo molto lucido, che ci fa riflettere su come a Perugia la cultura sia un business come un altro…su come l'intera offerta culturale sia rivolta ai turisti e non ai perugini, che comunque si dimostrano da anni totalmente disinteressati alle dinamiche che portano un evento dall'essere pensato ad essere realizzato, poiché l'associazionismo a Perugia non esiste, se non sotto forme ancora acerbe e caciarone, e le pochissime proposte che non arrivano dai piani alti vengono stroncate con grande prontezza… Grazie Antonio per l'integrità delle tue riflessioni.

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

(Agenzia Vista) Firenze, 20 ottobre 2019 Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura" Matteo Renzi interviene sul palco della Leopolda 10: "Se vogliamo essere presenti, diceva Aldo Moro, dobbiamo essere per le cose che nascono anche se hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime" Fonte: Agenzia ...

 
Di Maio e l'inglese, prova superata

Di Maio e l'inglese, prova superata

(Agenzia Vista) Washington, 20 ottobre 2019 Di Maio e l'inglese, prova superata Il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, a Washington interviene in inglese al convegno 'Un futuro comune: Stati Uniti e Italia', organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti / fonte FB. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Renzi lancia appello agli scontenti di FI: "Le porte di Italia Viva sono aperte"

Renzi lancia appello agli scontenti di FI: "Le porte di Italia Viva sono aperte"

(Agenzia Vista) Firenze, 20 ottobre 2019 Renzi lancia appello agli scontenti di FI: "Le porte di Italia Viva sono aperte" Matteo Renzi interviene sul palco della Leopolda 10: "Berlusconi per 25 anni ha rappresentato un modello, l'area liberaldemocratica del Paese. La destra europea in Italia. Ieri c'è stato un passaggio di consegna con Salvini che prende in mano il centrodestra. Il malessere di ...

 
Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019

Lorenzo Rinaldi ai "live": il sogno continua

su sky

Il ternano Lorenzo Rinaldi ai "live" di X Factor

Lorenzo Rinaldi, il 19enne ternano in lizza a X Factor, il talent più popolare della tv italiana, su Sky, è tra i 12 finalisti. Il giudice della sua categoria, Malika Ayane, ...

18.10.2019

Quindicenne di Trevi ne Il Collegio di Rai 2

Il docu reality

Quindicenne di Trevi ne Il Collegio di Rai 2

Asia Busciantella Ricci è la quindicenne di Trevi scelta per partecipare al docu-reality in onda da martedì su Rai 2, Il collegio. Dopo le prime tre stagioni, ambientate nel ...

18.10.2019