Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elezioni: polizia a Riosecco. Ad Assisi casi di schede fotografate

default_image

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Mattinata elettorale con qualche tensione a Città di Castello e Assisi. Nel capoluogo tifernate, al seggio allestito nella scuola elementare di Riosecco è stato richiesto l'intervento della polizia. A detta di un rappresentante di lista, si sarebbe formato un capannello di persone a una distanza inferiore ai 200 metri dal seggio, il che è vietato dalla legge che regola le elezioni. Ad Assisi, invece, un elettore sarebbe stato sorpreso dopo aver fotografato con il proprio cellulare, all'interno della cabina elettorale, la scheda sulla quale aveva votato. Caso analogo nel tardo pomeriggio a Petrignano, con il classico suono del cellulare chiaramente percepito all'interno del seggio, tanto che a tal proposito sono stati chiamati i carabinieri. Polemiche poi, sempre a Petrignano, per una signora a cui sarebbe stato chiesto di non portare la borsa all'interno della cabina elettorale, probabilmente per evitare il ripetersi di simili episodi ma, quanto pare, la signora non ha preso molto bene l'invito. A Torchiagina, invece, un elettore ha mostrato i documenti al seggio ma si è rifiutato di lasciare il cellulare e non ha votato.