Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, fondi europei: speso solo il 57% dei soldi. Disponibili 277 milioni di euro da investire entro l'anno

Esplora:

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

L'Umbria è in netto ritardo nell'utilizzo dei fondi dell'Unione europea destinati allo sviluppo del territorio. Nelle classifiche delle regioni stilate dall'Agenzia per la coesione territoriale, il Cuore Verde è al diciassettesimo posto (su 21) nell'utilizzo dei finanziamenti Por Fesr relativi al periodo 2014/2020. Su una dotazione complessiva di 412.3 milioni di euro, ne è stata certificata la spesa di 236.5: il 57.36%. Restano da investire 175.8 milioni entro il 31 dicembre. Solo Sicilia, Abruzzo, Campania e Marche hanno fatto peggio. Situazione analoga sui dati relativi al Fondo sociale europeo (Fse). In questo caso l’Umbria con il 57.02% di spesa certificata, è al diciannovesimo posto, davanti solo a Valle d’Aosta (56.31%) e Basilicata. I milioni a disposizione sono 237.5 e ne sono stati utilizzati 135.4. Ne restano da spendere altri 102.1. Entro l'anno, dunque, per investire l'intera dotazione, l'Umbria dovrebbe certificare la spesa di 277.9 milioni. Restano solo undici mesi.

Giuseppe Silvestri

[email protected]

Servizio completo sul Corriere dell'Umbria di sabato 28 gennaio