Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Taglio del cuneo fiscale solo ai lavoratori: ecco di quanto aumenterà lo stipendio

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Nella Manovra "c’è un taglio del cuneo fiscale del 3% per i redditi sotto i 20 mila euro", del valore di 4 miliardi. Dopo quelle sulle bollette "è la misura più costosa", ha spiegato la presidente del Giorgia Meloni illustrando la Legge di Bilancio in conferenza stampa. Viene quindi confermato il taglio di 2 punti per i redditi fino a 35 mila euro, introdotto dal governo Draghi, cui si aggiunge un punto in più per i redditi più bassi, quelli fino a 20 mila euro. L’intervento sarà tutto a vantaggio dei lavoratori. "Se non avessimo avuto il problema delle bollette, avremmo fatto un intervento più significativo sul cuneo", ha aggiunto la premier, precisando che rimane l’impegno a varare una riduzione graduale di cinque punti, che dovrebbero andare per due terzi a vantaggio dei lavoratori e per un terzo delle imprese.

 

 

Quattro mesi e poi chi lo sa. Carlo Bonomi scorre l’elenco delle misure approvate lunedì sera dal governo Meloni e subito trova la quadra del pensiero: "È una legge di bilancio a tempo", riassume sicuro il presidente di Confindustria in una intervista alla La Stampa. Poi si spiega: "Giustamente, hanno concentrato due terzi degli interventi sul caro-energia, ma solo sino al 31 marzo. Bisognerà capire cosa succederà dopo. Oggi la legge di bilancio è prudente sui saldi, lo apprezziamo. Ma il primo aprile cosa ci aspetta?". Il numero uno degli industriali vede poco o nulla di fatto sul cuneo fiscale, contesta la strategia del taglio delle tasse, chiede una politica industriale vera, teme un autunno/inverno di tensioni e denuncia la manifesta carenza di prospettive.

 

 

Favorevole invece Cristiano Fini, presidente di Cia-Agricoltori italiani: "Bene i bonus lavoro, sono state accolte le nostre istanze. Condividiamo pienamente la scelta di prorogare il taglio del cuneo fiscale per il 2023 fino al 3% per i redditi più bassi, così come consideriamo positiva la detassazione al 5% per i premi di produttività fino a 3 mila euro".