Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Superbonus, Poste italiane per ora sospende la cessione del credito: stop a nuove pratiche

  • a
  • a
  • a

Si sapeva che sarebbe accaduto ma ora c'è l'ufficialità: stop al Superbonus, Poste italiane ha deciso di sospendere la cessione del credito. Lo ha annunciato sulla sua pagina internet dedicata: "Il servizio di acquisto di crediti d’imposta ai sensi del DL 19 maggio 2020 n.34, convertito con modificazioni nella legge 17 luglio 2020 n.77 e s.m.i., è sospeso per l’apertura di nuove pratiche”, si legge nella nota, che poi prosegue nel chiarire che è ancora “possibile seguire l’avanzamento delle pratiche in lavorazione e caricare la documentazione per quelle da completare”. Quindi niente nuove domande. Poste che era rimasta tra le poche banche operative in questo business, ha detto basta. Per ora.

 

 

L’annuncio di Poste - lo spiega il Corriere della Sera - arriva dopo le recenti cinque sentenze della Corte di Cassazione che hanno evidenziato una nuova lacuna del meccanismo di cessione dei crediti edilizi, confermando la possibilità per l’Amministrazione finanziaria di effettuare il sequestro dei crediti nel caso sia avviata una procedura per sospetto frode nella cessione. Una delle cinque sentenze ha riguardato proprio un ricorso di Poste.

 

 

Lo stop deciso da Poste Italiane potrebbe però essere solo momentaneo. In attesa cioè di riallineare la piattaforma alle nuove modifiche normative ma soprattutto in attesa di conoscere i nuovi interventi legislativi sul Superbonus che deciderà il governo Meloni.