Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scommesse, arriva la rivoluzione: tutte le novità previste dal decreto

  • a
  • a
  • a

Incasso anticipato delle vincite, handicap asiatico, correzione degli errori commessi nella pubblicazione delle quote. Sono le principali novità contenute nel decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 28 settembre e da domani, come ricorda Agipronews, ufficialmente in vigore. Una novità attesa, tanto che molti operatori hanno già superato il collaudo e sono pronti a lanciare le puntate più aggiornate. "Il mercato delle scommesse sportive è stato oggetto di profondi cambiamenti nell'ultimo decennio e pertanto - al fine di aumentare il contrasto all'offerta di gioco irregolare - occorre modificare l'attuale disciplina di regolamentazione del settore e introdurre nuove modalità di gioco", ha spiegato il Mef nelle premesse del provvedimento che ha l'obiettivo di rendere più competitivo un mercato che, nel 2021, ha reso oltre 420 milioni di gettito erariale e generato 1,8 miliardi di spesa da parte del pubblico, per il 60% circa via Internet e per il 40% nelle agenzie. Commentando l’introduzione delle nuove possibilità di puntata, il direttore generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, ha illustrato i tempi dei provvedimenti attuativi di Adm: “Ci confronteremo con gli operatori del settore attraverso degli incontri online, dopo i quali pubblicheremo le determinazioni più corrette”.

Ecco quindi la possibilità - denominata cash out - per i bookmaker italiani di pagare una scommessa ai giocatori, o di rinegoziarla, prima che l'evento sportivo sia terminato. La quota di vincita risulterà ridotta ma l'utente ha la certezza, qualunque cosa capiti prima della fine dell'avvenimento, di incassare almeno una parte della potenziale vincita iniziale. Sarà poi consentito di accettare multiple sull'handicap asiatico, una speciale modalità di scommessa importata in Europa dal Far East. In sostanza, gli allibratori attribuiscono uno svantaggio o un vantaggio a una squadra, per poter offrire una quota migliore. Questa special bet deve il suo successo al basket, sport nel quale spesso il divario tra le squadre è molto evidente: diventa così necessario per i quotisti bilanciare le quote con uno svantaggio di punti in partenza per il team più forte.

Arriva anche la correzione all'errore materiale nelle quote, che ha portato negli ultimi anni a un rilevante contenzioso tra concessionari, Agenzia delle Dogane e scommettitori: è il caso, spiega Agipronews, in cui un bookmaker sbaglia una quota e - non accorgendosi del problema - continua ad accettare scommesse sull'evento. I concessionari potranno richiedere all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli il riconoscimento dello sbaglio e il ricalcolo della quota, stavolta corretta. Fin qui, i bookmaker italiani erano invece stati costretti dalla convenzione firmata con Adm a pagare comunque le vincite ai giocatori, anche per milioni di euro in alcuni casi, presentando eventualmente un ricorso per far riconoscere dai tribunali il tentativo di frode. La posta unitaria di gioco per le scommesse a quota fissa è stabilita in cinque centesimi di euro (invece di 1 euro), mentre l'importo minimo per ogni ricevuta di partecipazione giocata non può essere inferiore a un euro (in precedenza il minimo era 2 euro). Innalzato infine il limite massimo di vincita, che passa da 10mila a 50mila euro.