Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Draghi: "Il prezzo del gas è già sceso grazie all'accordo, presto bollette più basse"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

"Alcuni effetti di queste decisioni sono già visibili. La decisione di questa notte come gli annunci dei giorni scorsi hanno avuto un impatto sui prezzi del gas. Il prezzo è sceso di circa un terzo, e oggi, dopo la notizia dell’accordo ha perso il 10%, a dimostrazione che la componente speculativa è molto rilevante e questo era il modo con cui andava affrontata questa crisi fin dall’inizio. Un ulteriore prova della bonta delle nostre proposte che si tradurrano presto in bollette più basse" lo ha affermato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella conferenza stampa al termine del Consiglio europeo a Bruxelles.

 

 

Un corridoio di prezzo al gas (con un limite massimo e uno minimo), aumentare il risparmio, semplificare le procedure di autorizzazione per gli impianti rinnovabili, e una riforma del mercato elettrico. Questi alcuni dei capisaldi delle misure previste dal Consiglio europeo, essenzialmente incentrato su "soluzioni comuni" per riuscire a tutelare famiglie e imprese dai costi elevati delle bollette energetiche. La misura più attesa era il price cap al gas; è arrivata, ma non nella forma iniziale. Si è deciso per un price cap dinamico. In sostanza un corridoio di prezzo entro cui muoversi: con una forbice che segna da una parte il valore minimo e dall’altra il valore massimo.

 

 

Una proposta che già di per se, indipendentemente dal risultato che avrà, ha portato a un calo del prezzo europeo del gas al mercato olandese di Amsterdam: la quotazione al TTF si muove infatti in questi ultimi giorni di discussione intorno ai 110-120 euro al Megawattora (MWh), dopo aver raggiunto livelli che hanno sfiorato anche i 300 euro al MWh negli ultimi mesi. Non è quindi un tetto massimo al prezzo del gas oltre il quale non è possibile vendere o comprare, ma con il price cap dinamico si possono limitare le oscillazioni del prezzo del gas, naturalmente gli eccessivi aumenti dei prezzi e di conseguenza anche le possibili speculazioni sul mercato.