Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Agroalimentare, Coldiretti: "Sette italiani su dieci a caccia di sagre d'autunno"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Sette italiani su dieci (70%) scelgono di partecipare a sagre, fiere e feste di paese che si concentrano tradizionalmente all’inizio dell’autunno con l’arrivo dei prodotti tipici di stagione, dalle castagne ai tartufi fino ai funghi, favoriti dal ritorno della pioggia dopo la siccità estiva. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti/Ixè. Dall’indagine emerge l’apprezzamento crescente degli italiani per le sagre che, come sostiene Coldiretti, nasce anche dall’esigenza di contenere le spese di fronte al caro prezzi ma anche di ristabilire un rapporto più diretto con il cibo, la cultura e le tradizioni territoriali.

 

 

Il business è comunque modesto, secondo l’analisi Coldiretti/Ixè: il 10% dei frequentatori non spende niente, il 53% non più di dieci euro a persona e il 30% tra i 10 ed i 30 euro per persona, mentre un 7% va ma acquista altro. Tra i consigli da seguire nella scelta, secondo Coldiretti, ci sono la verifica della congruità del "cibo festeggiato" con la realtà produttiva del territorio, anche con un occhio alla stagionalità, le garanzie offerte dalla partecipazione delle istituzioni e il coinvolgimento nell’iniziativa di operatori economici locali, dai ristoratori agli agricoltori, con Campagna Amica.

 

 

La necessaria qualificazione dell’offerta delle sagre in Italia può essere infatti sostenuta, secondo l’organizzazione agricola, da una più forte presenza delle realtà economiche espressione del territorio, come ad esempio la vendita diretta dei prodotti agricoli e alimentari delle aziende agricole locali, che garantiscono identità e qualità al giusto prezzo.