Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caro energia, Giorgetti: "Il governo Draghi ha i poteri per agire, bisogna rispondere subito". Rischio bollette insostenibili

  • a
  • a
  • a

Il governo Draghi ha i poteri per rispondere al caro energia. Parola del ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, che è intervenuto sul delicato argomento ai microfoni del Corriere della Sera. "Essere in carica per gli affari correnti non significa non avere poteri. Credo di essere stato il primo a sollevare il problema dell’energia più di un anno fa. Oggi bisogna rispondere senza aspettare i due mesi che serviranno per avere un nuovo governo. Sarebbe un disastro economico e sociale".

 

 

"Mi pare che Matteo Salvini abbia visto giusto nel chiedere un armistizio in campagna elettorale - prosegue il ministro - Tutti devono porsi il problema di come affrontare questo frangente. E anche con il sostegno della Lega questo governo, a saldi di bilancio invariati, ha varato moltissime misure, inclusa una di cui non si parla abbastanza: il bonus sociale rafforzato al quale possono accedere famiglie con un reddito Isee fino 12 mila euro e di 20 mila euro se ci sono quattro figli a carico, che si aggiunge a quelli già previsti per persone vulnerabili con più di 75 anni e per i disabili. La misura prevede sconti in bolletta. Abbiamo semplificato molto la procedura, ma occorre che le famiglie che non hanno già un’attestazione Isee la richiedano. Il resto è automatico. Va data la massima pubblicità a questa misura".

 

 

Giorgetti ha quindi messo in allerta i cittadini italiani. "Rischiamo di avere bollette insostenibili. Il problema nasce da prima della guerra, ma la guerra l’ha esasperato. Per moltissime imprese italiane sta venendo meno la convenienza a riaprire". Quanto agli interventi e al debito pubblico già alto ha aggiunto: "Non si tratta di fare spesa allegra, ma di pagare danni di guerra indiretti al sistema produttivo, dopo la decisione di aprire un conflitto commerciale con la Russia. Se le acciaierie italiane si fermano, chi fornisce i materiali al sistema industriale del Paese?".