Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dichiarazione redditi 2022, entro quando va presentata: tutte le scadenze

Solo all'apparenza le mail sono inviate dall'Agenzia delle entrate

  • a
  • a
  • a

Ci siamo. Maggio volge nella seconda parte e inizia a pieno titolo la stagione della dichiarazione dei redditi 2022. Un calendario di scadenze che riepiloghiamo in questa guida. I contribuenti che scelgono di presentare il modello 730, dedicato ai dipendenti e pensionati, possono optare per il modello ordinario – da compilare tramite Caf o professionisti abilitati -, oppure il modello precompilato. In entrambi i casi la scadenza da tenere ben presente è quella del 30 settembre 2022.
Una scadenza bussa alle porte, è per così dire dietro l'angolo.

 

 


Quest’anno la dichiarazione dei redditi precompilata è disponibile più tardi rispetto al solito. I lavoratori dipendenti e pensionati che scelgono il modello 730 precompilato, lo troveranno disponibile in un’area del sito dell’Agenzia delle Entrate, dal 23 maggio 2022. Per accedere alla consultazione, serviranno le credenziali Spid, la carta d’identità elettronica o la carta nazionale dei servizi.
Dopo aver presentato la dichiarazione dei redditi, bisognerà regolarizzare la propria posizione fiscale con l’Agenzia delle Entrate. Tramite la busta paga, il contribuente riceve lo stipendio con le somme trattenute o rimborsate a seguito del conguaglio 730. In caso di debito con l’Agenzia delle Entrate, si può scegliere di rateizzare la somma dovuta, maggiorata dell’interesse dello 0,33 per cento mensile. Nel caso in cui la retribuzione fosse insufficiente per il pagamento delle imposte, si provvederà al pagamento con le buste paga dei mesi successivi, con l’importo però maggiorato dell’interesse dello 0,4 per cento mensile.
Il 30 settembre 2022 scade il termine utile per la presentazione del 730 ordinario, tramite Caf o professionista abilitato. Per i contribuenti che non riescono a presentare il modello 730 entro i termini validi, potranno trasmettere all’Agenzie delle Entrate il Modello Redditi entro il 30 novembre. Sempre entro il 30 settembre occorre anche scegliere la destinazione dell’8, 5 o 2 per mille dell’Irpef.

 

Il sito specializzato financialounge.com ricorda in un articolo dettagliato che il contribuente che ha necessità di variare o rettificare i dati già inoltrati all’Agenzia delle Entrate, dovrà ricordarsi 25 ottobre 2022, scadenza valida per presentare al Caf o al professionista abilitato la dichiarazione 730 integrativa che la dovranno verificare e trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 10 novembre.
Nella busta paga di novembre, il lavoratore dipendente troverà lo stipendio decurtato dell’acconto Irpef. Nel caso in cui la somma da versare a titolo di acconto sia maggiore di quella complessiva della retribuzione, la parte residua sarà maggiorata in misura pari allo 0,4% e trattenuta dalla retribuzione del mese di dicembre.

La stagione della dichiarazione dei redditi è già cominciata e occhio a queste scadenze.