Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bonus caro energia, da imprenditore trentino buono da 450 euro per ogni suo lavoratore: "Aiuto per pagare le bollette"

  • a
  • a
  • a

Un importante riconoscimento ai suoi cento dipendenti: 450 euro in più in busta paga (in buono benzina) per ognuno di loro. Accade in provincia di Trento e il protagonista del gesto ovviamente accolto con grande soddisfazione dai lavoratori, è Corrato Detassis, titolare di Elettrocasa Trentino. A tutti i lavoratori ha inviato una lettera per comunicare la sua decisione per aiutare i dipendenti della sua azienda ad affrontare questo complesso periodo. 

"L'inizio di questo 2022 - si legge nella lettera - ha portato con sé, come ben tutti sappiamo, un incremento fortissimo del costo dell'energia per ognuno di noi, le bollette sono raddoppiate rispetto all'inverno scorso. Non altrettanto è accaduto agli stipendi di tutti voi, purtroppo. Per aiutarvi ad affrontare questa situazione, Elettrocasa ha deciso di elargire a ogni dipendente un contributo straordinario di 450 euro, sotto forma di buoni benzina". Inizia così la lettera che si è rivelata una vera e propria gradita sorpresa di Pasqua per i dipendenti del gruppo, ovviamente alle prese con le difficoltà economiche, come tutti i cittadini italiani. 

Detassis è titolare di quattro grandi negozi in provincia di TrentoStefano Dal Corso, responsabile Trony a Trento Sud, da circa 41 anni lavora con la storica azienda trentina. “E' stato notificato - ha spiegato a Il Trentino - a noi responsabili che ci sarebbe stato un premio concreto in occasione sia della Pasqua ma soprattutto in questo periodo storico che tra pandemia, guerra e rincaro bollette, non è dei migliori dal punto di vista psicologico”. Un gesto considerato importante e che ovviamente ha reso la Pasqua più piacevole a tutti i lavoratori. Corrado Detassis è uno dei pochi imprenditori che ha deciso di muoversi in maniera autonoma per cercare di dare una mano ai suoi numerosi collaboratori che si sono ritrovati a pagare bollette spesso addirittura raddoppiate per il clamoroso aumento del costo dell'energia, aumento che tra l'altro ha influito su tutti i beni, anche quelli primari.