Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Banca Mps, il ministro Franco: "Seguiamo gli sviluppi". Rizzetto (Fdi): "Inaccettabile silenzio"

Aldo Tani
  • a
  • a
  • a

Siena, lo stallo su Banca Monte dei Paschi prosegue. O quantomeno, il dialogo con l’Europa non è ancora arrivato a un punto di svolta. La fonte questa volta è diretta, perché a darne notizia, in un question time alla Camera, è stato proprio il ministro Daniele Franco. “L’interlocuzione con la Commissione europea è in corso”, ha dichiarato il titolare del dicastero dell’Economia, che poi ha aggiunto: “Siamo impegnati a seguire da vicino e con estrema attenzione i prossimi sviluppi del gruppo Mps, auspicando strategie di rafforzamento del modello di attività economica e di consolidamento, che consentano non solo la valorizzazione della partecipazione statale, ma anche la salvaguardia della storia della banca, del suo marchio, del suo rapporto con il territorio e i suoi livelli occupazionali”.

Franco ha fornito queste delucidazioni in quanto chiamato in causa dall’interrogazione di Francesco Lollobrigida di Fratelli d’Italia. Il dialogo con Bruxelles riguarda sia l’aumento di capitale da 2,5 miliardi che il piano industriale 2022-2026. Per quanto concerne l’uscita dello Stato dal capitale azionario di Montepaschi, il ministro ha precisato: “Il termine non è stato ancora definito”. L’appuntamento è quindi rimandato al 28 marzo, quando di fronte alle commissioni Finanze riunite, Franco in audizione riferirà “con un adeguato approfondimento” sulla situazione di Montepaschi. Le risposte date, tuttavia, hanno trovato il disappunto di Walter Rizzetto, deputato di FdI, che ha definito come “emblematico e inaccettabile l’imbarazzato silenzio del ministro”.

L’onorevole ha poi rincarato la dose: “Troppo spesso abbiamo assistito a istituti che, dopo aver disperso miliardi, falliscono con gravi danni per i cittadini e per questa ragione chiedevamo di sapere cosa il Governo stesse facendo per conoscere le strategie del maggior azionista della banca senese. E’ grave il silenzio del ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, che ha preferito non rispondere all’interrogazione di Fratelli d’Italia sul futuro di Monte dei Paschi”.