Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spumante da record, prodotte un miliardo di bottiglie: il prosecco a fare da traino

  • a
  • a
  • a

Un miliardo di bottiglie prodotte nel 2021. E' record storico per la produzione di spumante italiano che ha superato per la prima volta questo risultato per effetto del balzo del 23 % spinto dalla voglia di normalità di fronte all’emergenza Covid. Questo il dato emerso dall’analisi della Coldiretti che evidenzia come a trainare il risultato sia stato il prosecco con 753 milioni di bottiglie Doc e Docg seguito dall’Asti Docg con 102 milioni ma buoni risultati sono stati ottenuti anche per il Franciacorta, il Trento e l’Oltrepo Pavese.

 

 

Un successo spinto dalla domanda interna, annota ancora Coldiretti, con una crescita del 27% in valore degli acquisti degli italiani ma anche per l’esplosione delle richieste arrivate dall’estero dove si è registrato un aumento del 29% per un totale di circa 700 milioni di bottiglie stappate fuori dai confini nazionali per il 2021 su dati Istat ed Ismea. Un patrimonio del Made in Italy che ha conquistato di gran lunga la leadership a livello mondiale in termini di volumi esportati davanti a Champagne e Cava. Fuori dai confini nazionali - sottolinea la Coldiretti - finisce circa due terzi della produzione nazionale di bollicine e i consumatori più appassionati delle bollicine tricolori diventano gli americani che scavalcano i "cugini" inglesi con un aumento del 44% in quantità, mentre oltremanica si "fermano" a una crescita del 12% che testimonia comunque come l’amore dei britannici per le bollicine italiane sia più forte anche della Brexit.

 

 

In posizione più defilata sul podio si trova la Germania - spiega sempre la Coldiretti - che rimane il terzo consumatore mondiale di spumante italiano ma che fa segnare un incremento solo del 2% degli acquisti in volume. Nella classifica delle bollicine italiane preferite nel mondo ci sono tra gli altri il Prosecco, l’Asti e il Franciacorta che ormai sfidano alla pari il prestigioso Champagne francese, tanto che proprio sul mercato transalpino si registra una crescita record delle vendite del 16%.