Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Burger e cotolette vegetali all'ossido di etilene, il ritiro dai supermercati: il marchio finito nel mirino

  • a
  • a
  • a

Ancora troppo ossido di etilene come causa del ritiro di alcuni prodotti dal mercato. Stavolta è toccato a diversi lotti di burger vegetali venduti con il marchio Despar Veggie e Pam Panorama Bio. L'avviso è stato pubblicato sul sito ufficiale del ministero della Salute dove si legge che questi prodotti sono rischiosi per via della presenza appunto di "ossido di etilene in materia prima utilizzata riscontrata a seguito di analisi di autocontrollo". Nello specifico, i burger e le cotolette richiamati sono quelli prodotti da Despar Italia Carl e Pam Panorama Spa da Kioene nello stabilimento a Villanova di Camposampiero, in provincia di Padova.

 

 

Si tratta del Burger classico bio fresco Despar Veggie in confezioni da 160 grammi, dei miniburger quinoa e zucchine fresco Despar Veggie in confezioni da 160 grammi e dei miniburger miglio e carote bio fresco Despar Veggie, sempre in confezioni da 160 grammi. Ai prodotti ritirati si aggiungono anche le cotolette vegetali surgelate Pam Panorama Bio in confezioni da 200 grammi e il burger vegetale con semi di quinoa surgelati Pam Panorama Bio in confezioni da 150 grammi. Qualche giorno fa anche NaturaSì aveva segnalato il richiamo dei cracker semintegrali sesamo e rosmarino Ecor, in confezione da 250 grammi, sempre per ossido di etilene. Senza dimenticare i supermercati Coop che hanno richiamato un lotto di fette biscottate senza glutine del proprio marchio BeneSì perché appunto contenente "ossido di etilene superiore al limite di legge in un ingrediente”.

 

 

Fette biscottate decisamente piuttosto diffuse in commercio. Il prodotto in questione era venduto in confezioni da 250 grammi con il numero di lotto 1082 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 23 novembre 2021 (codice Ean 8001120937308), le parole sul sito ilFattoalimentare.itCoop aveva fatto sapere che le fette biscottate richiamate erano già state ritirate dalla vendita a scopo precauzionale. Ora è toccato ai burger vegetali e alle cotolette, con l'auspicio che il ritiro dal mercato sia stato tempestivo.