Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Superbonus, ora è più facile: meno burocrazia e più tempo per zone sismiche. Proroga rinviata

  • a
  • a
  • a

Il Superbonus non si allarga (per ora) ma diventa più facile. Dopo una faticosa mediazione tra maggioranza e Governo per procedere d'ora in avanti basterà solo la Cila (comunicazione di inizio lavori) per interventi strutturali degli edifici o i prospetti. Gli interventi in edilizia libera, come ad esempio l’installazione di caldaia e finestre, tornano a essere tali purché nella Cila ci sia una semplice descrizione dell’intervento, mentre per variazioni in corso d’opera, basterà comunicarle a fine lavori come integrazione della stessa Cila.

 

 

E ancora il cappotto termico sarà in deroga alla normativa sulle distanze minime con edifici di altre proprietà e i pannelli fotovoltaici potranno essere montati anche nei centri storici. Introdotta anche una norma che allunga i termini per il cambio di residenza per i cittadini che acquistano un’abitazione sulla quale sono in programma lavori agevolati con il Superbonus: si allunga da 18 a 30 mesi il tempo per lo spostamento della residenza nell’immobile oggetto di ristrutturazione con Superbonus con un’imposta del registro ridotta del 2%. Esteso a 30 mesi anche il termine per poter usufruire del cosiddetto Super-Sismabonus acquisti delle case antisismiche, edifici in zone sismiche 1, 2 e 3 oggetto di demolizione e ricostruzione e poi rivenduti dalle imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare.

 

 

Meno burocrazia anche in caso di eventuali irregolarità emerse dai controlli. Eventuali violazioni formali "che non arrecano pregiudizio all’esercizio delle azioni di controllo, non comportano la decadenza delle agevolazioni fiscali limitatamente alla irregolarità od omissione riscontrata". Lo stop al beneficio si applicherà quindi solo al singolo intervento oggetto di irregolarità o omissione. Per la proroga del Superbonus 110% bisogna aspettare l’autunno, quando comincerà la discussione della legge di Bilancio.