Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pubblica amministrazione, assunzioni e concorsi: 741 mila posti di lavoro entro il 2025

  • a
  • a
  • a

Entro il 2025, tra concorsi e altro genere di assunzioni, la pubblica amministrazione dovrà coprire 741 mila posti di lavoro per coprire le esigenze del ricambio di personale e raggiunger gli obiettivi del Pnrr. E' questa la stima elaborata dal sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal per i prossimi cinque anni.

 

Un fabbisogno occupazionale che vedrà 692 mila rimpiazzi di dipendenti che andranno in pensione e altri 48 mila "rinforzi" per riqualificare e svecchiare il personale che a livello nazionale conta 3,2 milioni di effettivi, con un'età media piuttosto elevata, che si aggira intorno ai 50 anni di età. I vari passaggi sono contenuti nel decreto Reclutamento e sono stati illustrati dal ministro per la semplificazione e pubblica amministrazione, Renato Brunetta (Forza Italia). "Dobbiamo assumere velocemente i tecnici necessari per la gestione dei progetti del Pnrr con un rafforzamento della capacità amministrativa, quindi assunzioni per la transizione digitale e la giustizia. Alla fine del contratto a tempo determinato 3+2, questo verrà considerato titolo valido per una sorta di stabilizzazione del 40% per poter fruire nella Pa di queste competenze", ha spiegato il ministro durante un'audizione parlamentare.

 

Le assunzioni relative al Pnrr vedranno aperte queste posizioni: 16.500 per il Ministero della Giustizia, presso l’Ufficio per il processo, per il periodo 2021-2024, con contratto a tempo determinato della durata massima di due anni e nove mesi e un altro con contratto di due anni; 5.410 assunzioni di personale amministrativo non dirigenziale alla Giustizia per il periodo 2021-2026, con contratto a 36 mesi, dal 1 novembre 2021; mille consulenze di esperti digitali per il supporto a Regioni ed enti locali per il Pnrr; 500 assunti con profilo economico, giuridico, informatico, statistico-matematico o ingegneristico gestionale con concorso semplificato e contratto a 36mesi, entro il 2026, da inquadrare nell’Area III, posizione economica F1 e 268 assunzioni per la transizione digitale e 67 all’Agid. A settembre 2021, inoltre, dovrebbe essere attivo il portale unico di reclutamento, in collaborazione con gli ordini professionali, per facilitare l'incrocio di domanda e offerte e offrire modalitò di selezione più rapide, soprattutto per i contratti a tempo determinato.