Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Superbonus 110% più veloce di tre mesi. Niente più doppia verifica di conformità

  • a
  • a
  • a

Il governo cerca di mettere le ali al superbonus 110% per la ristrutturazione e la riqualificazione energetica degli immobili. Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera dopo i nuovi provvedimenti che semplificano le pratiche tutto il processo dovrebbe accorciarsi di tre mesi. Non ci sarà più bisogno della verifica di doppia conformità ma della sola Cila la comunicazione di inizio lavori asseverata come avviene per gli altri bonus fiscali. Tutto ciò permetterà di evitare.  le lunghe attese per accedere alla documentazione degli archivi edilizi dei Comuni, pari in media a circa 3 mesi per ogni immobile oggetto di verifica. In questo modo il superbonus diventa, per quanto riguarda le pratica, simile quasi del tutto al bonus facciate 90%. La nuova norma prevede che gli interventi incentivati con il Superbonus 110% sono "manutenzione straordinaria" e quindi realizzabili "mediante comunicazione di inizio lavori asseverata". Una semplificazione da cui sono esclusi soltanto gli interventi che prevedano demolizione e ricostruzione.

 

Il governo per ora ha deciso di non estendere la possibilità di accedere al superbonus agli alberghi. Invece l'estensione è arrivata per case di cura, ospedali, poliambulatori ma anche collegi, ospizi e caserme. Federalberghi ha reagito duramente: "Siamo sconcertati. Il passo indietro dell’esecutivo sull’estensione agli alberghi del superbonus - ha dichiarato al quotidiano Maria Carmela Colaiacovo, vice presidente di Associazione italiana Confindustria Alberghi — è l’ennesima doccia fredda per il settore. Le nostre imprese così drammaticamente colpite dalla crisi, sono costrette a ricorrere massicciamente al credito per resistere dopo 14 mesi di fermo pressoché totale. La ripartenza da sola non basta, si interrompe l’emorragia ma non si può recuperare la perdita accumulata in questi lunghi mesi di fermo". 

 

Insomma anche gli alberghi per ripartire vogliono essere inseriti tra i possibili beneficiari del bonus. Un modo per aiutare ancora più anche il settore dell'edizilia che sta traendo forti benefici dalla misura straordinaria.