Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I ritornati, Claudio Amendolagine nella serie web di 9colonne e Farnesina: "Ho trovato l'America a Matera"

  • a
  • a
  • a

Dopo un lungo cammino di conoscenza, esperienze, studio e sperimentazioni è tornato in Basilicata per “chiudere il cerchio” e contribuire al cambiamento della sua città natale: Matera. Claudio Amendolagine è uno dei protagonisti de “I ritornati”, la web serie realizzata dall’agenzia 9colonne con il sostegno della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Claudio ha studiato Relazioni Internazionali all’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” dopo aver passato un periodo di formazione con una borsa di studio Erasmus presso l’Università degli studi di Helsinki.

Tra le principali esperienze di vita e professionali, ha trascorso due anni in Australia, a Sydney tra il 2013 e il 2015 e due anni nel Regno Unito con una borsa di studio per un tirocinio nell’ambito del Progetto Leonardo nel 2008 e nel 2009 presso l’Istituto Italiano di Cultura di Londra: “Una esperienza che mi ha dato molto, dove mi sono avvicinato per la prima volta al mondo dell’organizzazione di eventi a carattere culturale”.

 

Dal 2010 consulente di social media marketing per aziende e piccole e medie in Italia e all’estero, Claudio si occupa oggi di social media e comunicazione per il Padiglione Italia di Expo Dubai mentre lo scorso anno era nel team di comunicazione della Fondazione Matera- Basilicata 2019.

“Sono rientrato definitivamente a Matera nel 2016. Ho fatto diverse esperienze in giro per il mondo a partire dall’Erasmus in Finlandia. Poi sono stato nel Regno Unito e a Sydney. Sono tornato a Matera perché ho sentito come un richiamo: sono stato orgoglioso di poter lavorare a un progetto importante come Matera 2019. E’ stata la realizzazione di un sogno” racconta a 9colonne il social media manager. “Matera – dice Claudio - è metafora di rinascita, è una città che si è saputa reinventare” un po’ come hanno fatto tanti giovani italiani emigrati all’estero e poi rientrati in Italia: “Da queste terre si emigra spesso per cercare un futuro migliore, per realizzarsi. Ma ultimamente assistiamo a un nuovo fenomeno: a un controesodo. Sentiamo ad esempio parlare di south working. Io sono felice. Ho fatto tante esperienze all’estero ma ho poi trovato la fortuna nella mia terra: Matera”.