Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Reddito di cittadinanza, la data del pagamento di maggio 2021

  • a
  • a
  • a

Reddito di cittadinanza, definita la data di pagamento del mese di maggio 2021. L'accredito sulla card a tutti i beneficiari da parte dell'Inps verrà erogato in due date: il 15 e il 27 del mese, a seconda del momento in cui il beneficiario ha effettuato la domanda.

 

Se infatti quest'ultima è stata presentata nel mese di aprile, il pagamento avverrà il 15 del mese di maggio. Se, al contrario, questa è stata fatta in passato, l'accredito sarà fatto il 27 e mantenuto generalmente con questa cadenza. Naturalmente il reddito di cittadinanza viene accreditato mensilmente a tutti coloro che hanno presentato domanda e sono risultati in possesso dei requisiti previsti dalla normativa. Tali requisiti devono poi sussistere per l'intero periodo di erogazione del sussidio, e il beneficiario del RdC è tenuto ad informare l'Inps di eventuali variazioni che potrebbero determinare una sospensione o modifica dell'importo erogato. Ogni anno i beneficiari del reddito sono tenuti a presentare entro il 31 gennaio l'Isee 2021.

 

Se non si rispetta questa scadenza allora il sussidio viene sospeso fino a che non viene presentata la documentazione richiesta. Novità anche nel decreto Sostegni bis: il reddito di cittadinanza è impignorabile e si configura come sostegno al sostentamento delle persone povere. Lo prevede un emendamento al dl Sostegni approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato. Un’altra modifica approvata dalle commissioni istituisce un fondo da 10 milioni di euro per il 2021 per i genitori separati e divorziati che a causa del Covid hanno perso il lavoro, ridotto o cessato la loro attività lavorativa per assicurare la continuità dell’assegno di mantenimento. L’importo massimo sarà di 800 euro mensili. La misura, tuttavia, potrebbe essere rivista, anche alla luce dell'opinione del ministro Orlando secondo cui "è stato utile durante la pandemia ma non ha aiutato a trovare lavoro".