Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Reddito di emergenza fino a 840 euro: ecco a chi spetta e come deve essere chiesto

  • a
  • a
  • a

Sono state diffuse dall'Inps le istruzioni per poter richiedere il Reddito di emergenza. L'istituto ha pubblicato la circolare per accedere all'aiuto che è previsto dal decreto Sostegni. Si tratta di tre mensilità (marzo, aprile e maggio) per le famiglie costrette a gravi difficoltà a causa dell'emergenza per il Covid 19 e che sono in possesso dei requisiti necessari previsti dalla legge: residenza, economici, patrimoniali e di reddito. Le domande possono essere inviate per via telematica sino all prossimo 30 aprile

Di quali somme stiamo parlando? Si tratta di un aiuto di quattrocento euro per ogni mensilità nel caso di un unico componente familiare, misura che viene aumentata con una scala di 0.4 per ogni persona maggiorenne in più e di 0.2 per ogni minore, fino ad un massimo di ottocento euro, a meno che non ci siano anche dei disabili. In tale caso l'equivalenza arriva sino a 2.1 e quindi a 840 euro. Rispetto ai decreti precedenti (che sono stati Rilancio e Agosto), il Sostegni ha individuato una nuova categoria di beneficiari e cioè quelli che hanno terminato di percepire Naspi e Discoll nel periodo tra il primo luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 e non sono in possesso di requisiti previsti dalla legge. Il destinatario del Reddito di emergenza in questo caso è il singolo beneficiario e non la famiglia.

L'Inps spiega anche che nel caso nella famiglia siano presenti uno o più persone che hanno terminato di percepire Naspi o Discoll, deve essere proprio uno di loro a presentare la domanda. Per ottenere il Reddito di emergenza, inoltre, la famiglia deve avere un valore del reddito complessivo inferiore all'ammontare totale dell'aiuto. Quindi la domanda per l'aiuto deve essere presentata entro le prossime due settimane e ovviamente è consigliato velocizzare la stessa seguendo con attenzione le indicazioni fornite dall'Inps