Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pensioni, un questionario Inps in arrivo a 300 mila pensionati. Ecco perché

  • a
  • a
  • a

Un nuovo questionario dell'Inps sarà inviato a circa 300mila pensionati. E' stato lo stesso Istituto a comunicarlo nella giornata del 2 aprile con un documento con il quale ha cercato di chiarire quali aranno i destinatari e quale è lo scopo del sondaggio che si appresta a far sostenere. I 300mila pensionati saranno chiamati a rispondere ad alcune di domande che non sono affatto molto particolari ma che consentono di effettuare una rilevazione dei servizi dell'Inps. L'Istituto in pratica ha deciso di chiedere proprio ai pensionati valutazioni e pareri sul proprio operato. L'appello ai pensionati è quindi quello di rispondere, visto che il risultato del sondaggio potrebbe permettere di migliorare la qualità dei servizi relativi alle prestazioni pensionistiche. L'Inps ha puntualizzato che nel tentativo di migliorare i propri servizi, intende andare oltre il suo processo di digitalizzazione su cui ormai lavora da diversi anni. Ascoltare i pensionati e coinvolgere gli utenti e il personale è considerato un percorso decisivo nelle decisioni che vengono poi prese dall'Istituto. 

La spedizione del questionario riguarderà gli utenti che percepiscono pensione di vecchiaia; pensione anticipata; pensione Quota 100; pensione in regime di cumulo; pensione in regime di totalizzazione. Il sondaggio è previsto inoltre dalla normativa che punta ad un “rafforzamento del ruolo dei cittadini nel ciclo di gestione della performance”. Ed è proprio per questo, ribadisce l'Inps, che l'Istituto, come altre amministrazioni, adotta i sistemi di rilevazione del grado di soddisfazione degli utenti e dei cittadini che sono i finalizzatori dei servizi erogati. La partecipazione e la collaborazione, insomma, sono considerate fondamentali. 

Stando alla presentazione della campagna, l'Inps ha puntualizzato che coinvolgerà 300mila utenti. A partire dalla giornata di domani, martedì 6 aprile, riceveranno nella propria mail il link utile per rispondere al sondaggio e quindi partecipare all'iniziativa dell'Istituto. Ma è chiaro che non c'è alcun obbligo e né conseguenze per chi decide di ignorare quella mail e non rispondere al questionario che viene proposto. I risultati dell'iniziativa verranno poi resi noti dall'Inps e saranno utilizzati per cercare di comprendere come migliorare i propri servizi.