Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alberto Genovese, un tesoro da 150 milioni e le indagini all'interno della sua stessa società

  • a
  • a
  • a

Il caso di Alberto Genovese ancora al centro di Non è l'Arena. Il talk condotto da Massimo Giletti la domenica su La7, torna ad occuparsi del caso dell'imprenditore di Milano finito in carcere con l'accusa di violenza sessuale sulla ragazza di appena 18 anni. Da settimane Giletti si sta occupando della vicenda e domenica 31 gennaio ha intervistato in studio proprio la ragazza vittima del presunto stupro dopo la festa a Terrazza Sentimento.

Nella puntata precedente avevano parlato due delle ragazze che dopo l'arresto hanno denunciato l'imprenditore. Nella puntata di stasera, 7 febbraio, si ripresentano in trasmissione e non di spalle come in precedenza. Tra gli ospiti interverranno Stefania Andreoli, Luca Telese, Ivano Chiesa e Elisa Rivoira. Ancora un approfondimento, dunque, su una vicenda che da mesi occupa le cronache delle principali testate nazionali. Alberto Genovese, 43 anni, in passato ha visto la propria vita letteralmente stravolta sotto l'aspetto economico. Nel 2014 la vendita di facile.it gli aveva permesso di incassare addirittura cento milioni di euro, come ha raccontato al Corriere della Sera l'amico Daniele Leali che nella vicenda è indagato per spaccio. Ma intanto si profila un'altra grana per Genovese, come ha annunciato lo stesso Corriere della Sera.

All'interno di Prima Assicurazioni, l'agenzia online che ha avuto notevole successo, lanciata sempre da Genovese e che poi si è allargata a nuovi e importanti soci, sarebbe stata avviata una indagine per "la ricerca di prove di eventuali illeciti" che sarebbero stati commessi nella gestione. Prima Assicurazioni gestisce un milione di assicurati in Italia e a settembre ha lanciato il progetto per entrare anche nei mercati di Spagna, Gran Bretagna e Germania. Ma nel corso di un consiglio di amministrazione tra il 12 e il 13 novembre, c'era all'ordine del giorno la nomina di uno "studio legale esterno indipendente con competenza in materia di diritto penale per condurre un’indagine interna in merito alla condotta del Ceo (cioè Alberto Genovese, ndr) nella gestione della società, volta anche alla ricerca di prove di eventuali illeciti". Sempre il Corriere della Sera sostiene che secondo il mercato Prima Assicurazioni potrebbe presto passare ad un nuovo socio di riferimento. Per l'imprenditore Genovese potrebbe significare incassare una somma intorno ai 150 milioni di euro.