Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bonus acqua, auto elettriche, occhiali, quotidiani, mobili, tv, smartphone e ristrutturazioni: gli aiuti alle famiglie previsti dalla manovra

Marianna Castelli
  • a
  • a
  • a

La chiameranno la manovra dei bonus, quella approvata definitivamente dal Senato. Quaranta miliardi per cercare di reggere l'impatto con la crisi economica dovuta al Covid e per provare ad aiutare aziende, lavoratori e famiglie. E bonus appare proprio la parola d'ordine, considerate le agevolazioni previste, anche se per le singole misure mancano ancora i provvedimenti attuativi, necessari per stabilire in concreto come accedere agli aiuti. Vediamo in sintesi alcuni degli aiuti previsti.

Bonus auto elettriche Contributo che arriva al 40% delle spese a carico dell'acquirente. E' per le persone fisiche con Isee inferiore a 30mila euro che acquistano vetture di categoria M1 nuove, alimentate ad energia elettrica. Devono essere mezzi con potenza inferiore ai 150 kw che non costano oltre 30mila euro. L'acquisto deve avvenire entro il 31 dicembre 2021. Occorre un provvedimento attuativo entra 30 giorni dall'entrata in vigore della manovra.

Bonus acqua Nasce il "Fondo per il risparmio delle risorse idriche". Venti milioni di euro nel 2021. Riconosce alle famiglie un bonus di mille euro per sostituire sanitari o installare apparecchi di limitazione del flusso d'acqua, comprese opere idrauliche o murarie se collegate. Contributi fino ad esaurimento delle risorse. Lavori entro il 31 dicembre 2021. Occorre apposito decreto del Ministero dell'ambiente entro sessanta giorni.

Bonus quotidiani Aiuto di massimo 100 euro per l'acquisto di abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici. Ne possono usufruire i nuclei familiari con Isee sotto i 20mila euro a cui è stato riconosciuto il diritto a usufruire dei voucher per la connessione a internet banda larga. Per la richiesta di contributo e i particolari, è attivo il portale telematico Infratel. In questo caso pero occorre un decreto entro trenta giorni dall'entrata in vigore della manovra.

Bonus occhiali e lenti a contatto Cinquanta euro per chi acquista lenti a contatto oppure occhiali da vista (non da sole). L'aiuto è riconosciuto alle famiglie che hanno un Isee che non supera i 10mila euro. Anche in questo caso è atteso un decreto che stabilisce criteri e modalità.

Bonus mobili Aiuto rifinanziato alzando il tetto di spesa da 10mila a 16mila euro. Detrazione del 50% delle spese sostenute (e documentate) per l'acquisto di mobili durante le ristrutturazioni edilizie. Probabilmente la procedura sarà la stessa degli anni precedenti. La detrazione si ottiene con la dichiarazione dei redditi. Ma occorrono aspettare le indicazioni dell'agenzia delle Entrate.

Bonus tv Cento milioni di euro per il 2021 per l'acquisto di nuove televisioni o lo smaltimento di apparecchi obsoleti. Entro 45 giorni devono arrivare le indicazioni attraverso un decreto del ministro dello Sviluppo economico di concerto con quello dell'Economia.

Bonus smartphone o kit digitalizzazione Apparecchio in comodato gratuito dotato di connettività per un anno oppure un bonus equivalente con lo stesso scopo d'acquisto. Ma devono essere soddisfatte alcune condizioni: un componente della famiglia deve essere studente (anche universitario), il reddito Isee non deve superare i 20mila euro; non bisogna essere titolari di un contratto di connessione internet o di telefonia mobile. Occorre dotarsi del sistema pubblico di identità digitale (Spid). Anche in questo caso sessanta giorni per il decreto attuativo.

Credito di imposta chef Ai cuochi professionisti credito di imposta fino al 40% per l'acquisto di beni strumentali o per la partecipazione ad aggiornamenti professionali dal primo gennaio al 30 giugno. Agevolazione di massimo 6mila euro per un milione l'anno per 2021-22-23. Occorre un decreto del ministero dello Sviluppo economico, concordato con i colleghi del Lavoro e dell'Economia per definire criteri e modalità di attuazione. Provvedimento entro il 2 marzo.

Bonus ristrutturazione Confermata la proroga del superbonus del 110% per le ristrutturazioni di immobili. I lavori devono garantire miglioramento energetico e sicurezza antisismica. Estensione fino al 30 giugno 2022, ma gli interventi si potranno completare anche nei sei mesi successivi.