Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Covid non uccide solo le persone: la strage di negozi e imprese. Ecco chi ha chiuso nel 2020

  • a
  • a
  • a

Il Covid non uccide soltanto i cittadini ma anche le imprese. Il crollo dei consumi vicino all'11% (10.8), per una perdita di 120 miliardi di euro, fa stimare la chiusura definitiva di 390mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi a fronte delle 85mila aperture. Il saldo è di circa 305mila imprese. Il dato è dell'Ufficio studi della Confcommercio. La riduzione del tessuto produttivo risulta particolarmente accentuata tra i servizi di mercato, che si riducono del 13,8% rispetto al 2019, mentre nel commercio rimane più contenuta, ma comunque elevata, e pari all'8,3%. Tra i settori più colpiti abbigliamento e calzature (-17,1%), ambulanti (-11,8%) e distributori di carburante (-10,1%). Nei servizi di mercato le maggiori perdite di imprese si registrano, invece, per agenzie di viaggio (-21,7%), bar e ristoranti (-14,4%) e trasporti (-14,2%). C'è poi tutta la filiera del tempo libero che, tra attività artistiche, sportive e di intrattenimento, fa registrare complessivamente un vero e proprio crollo con la sparizione di un'impresa su tre.