Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crisi Tagina, è corsa contro il tempo

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Ormai è una questione solo di tempo: o si riesce ad attivare il nuovo piano industriale in tempi brevi o la Tagina di Gualdo Tadino è destinata a entrare in una situazione di profonda difficoltà. Ad esporre questo concetto sono Fabio Fazi, socio della più importante azienda ceramica del territorio, e Roberto Marengo, nuovo responsabile del personale di Tagina. Settembre 2016 è una dead line che deciderà la sorte di Tagina Ceramiche d'Arte. Il piano industriale - spiegano Marengo e Fazi - ha già visto un aumento di capitale di un milione di euro da parte dei soci e prevede investimenti per circa 9 milioni di euro. "Il tutto con l'obiettivo di salvare l'azienda e rilanciarla, mantenendo il più alto livello occupazionale possibile". Ma cruciale è il tempo di realizzazione degli investimenti. "Tagina ha già lavorato con i fornitori e gli istituti di credito ed è pronta a fare la sua parte. Il sindaco ci è stato vicino e ci sta dando una mano. Speriamo che Perugia presti la stessa attenzione - continua Marengo -. Proprio in questi giorni è stato chiesto un incontro con la presidente della Giunta regionale Catiuscia Marini e con l'assessore regionale alle Attività produttive, Fabio Paparelli". Intervista completa sull'edizione di giovedì 21 gennaio del Corriere dell'Umbria