Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ast, i sindacati: "Azienda smetta di pensare solo ai licenziamenti"

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Si è riunita la Rsu di Gruppo Ast insieme alle segreterie territoriali per effettuare il punto della situazione in merito alla complicata vertenza e ai possibili sviluppi del negoziato anche a fronte dell'incontro in programma al Governo venerdì 3 ottobre. "Come organizzazioni sindacali - si legge in una nota - dobbiamo necessariamente ribadire l'anomalia del metodo con il quale si è sviluppato il confronto che ha evidenziato lacune che non hanno permesso, fino in fondo, un confronto serio con l'azienda. Nessuna apertura ufficiale sul Piano industriale è arrivata, tale da far percepire un cambio strategico da parte della multinazionale rispetto al futuro del sito ternano. L'impostazione perseguita dall'azienda nel voler discutere soltanto di riduzione costi e tagli sul lavoro è sbagliata e inaccettabile. Le dichiarazioni delle ultime ore del management, oltre ad essere un atto di scorrettezza nei confronti delle organizzazioni sindacali, non solo rischiano di compromettere il negoziato, ma di delegittimare pure il ruolo svolto dal Ministero. L'incontro del 3 ottobre rappresenta per noi un appuntamento importante nel quale assumeremo, come fatto fino ad oggi, un atteggiamento corretto e responsabile nell'interesse generale di Ast, della storia e dell'insieme delle maestranze ternane. Auspichiamo che altrettanta responsabilità, ci sia anche da parte aziendale. Riprenderemo il negoziato, con nostra disponibilità dichiarata e perseguita di trattare. Questa nostra volontà - si conclude il comunicato dei sindacati - può produrre risultati solo se pure l'azienda entra in una logica negoziale e abbandona la tentazione di procedere da sola con i licenziamenti".