Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Aeroporto elevato a terza classe, soddisfatto Bocci

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

L'aeroporto internazionale di Perugia “San Francesco di Assisi” è stato elevato per le esigenze di protezione antincendio alla terza classe aeroportuale, corrispondente alla settima categoria Icao (International civil aviation organization). Tale innalzamento, disposto nei giorni scorsi con decreto del ministro dell'Interno, di concerto con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato deciso a seguito dell'incremento del volume del traffico giornaliero nell'aeroporto di Perugia e delle dimensioni dei velivoli che vi atterrano e decollano.  L'Enac (Ente nazionale aviazione civile) ha, infatti, certificato che l'aereo più grande che effettua movimenti con frequenza giornaliera a Perugia corrisponde alla nuova classe aeroportuale attribuita. Molto soddisfatto il sottosegretario all'Interno con delega ai vigili del fuoco, Gianpiero Bocci, secondo il quale si tratta di un giusto riconoscimento che consente all'aeroporto di Perugia di disporre adeguati mezzi e dotazioni per lo svolgimento del servizio antincendio affidato al personale del corpo nazionale dei vigili del fuoco.