Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Infermieri, buste paga più leggere alla Usl 1

Esplora:
default_image

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Via tutte le indennità di rischio. Il verbale della seduta dell'11 marzo è stato applicato alla lettera. Manca solo una parte: i piani di incentivazioni pluriennali, che nell'intenzione della direzione generale dovevano arrivare “in sostituzione” delle dette indennità. Fatto sta, da questo mese le buste paga degli infermieri della Usl Umbria 1 (Perugia, Lago, Altotevere, Assisi e Media valle) sono più leggere. Come annunciato, la direzione ha tagliato la “subintensiva”. Ma non solo. Anche altre voci sono state depennate. Un errore nelle buste paga, era stato assicurato. Ora però per riavere tutti i soldi persi servirebbe addirittura un tentativo di conciliazione, come riferiscono gli autonomi della Fials. Intanto sui paradossi della spending review avviata nel servizio sanitario umbro, scoppiano i primi paradossi. Alcuni operatori della zona del Lago che si occupano di assistenza domiciliare segnalano che a causa di una convenzione aziendale stipulata con un distributore a Perugia gli stessi per fare carburante sono costretti a recarsi nel capoluogo di regione e fare la spola con la zona lacustre (sino a Città della Pieve). La convocazione per un incontro sindacale di approfondimento - una lettera di richiesta di chiarimenti è arrivata dalla stessa Fials - è fissata per il 29 aprile. La rappresentanza sindacale unitaria della Usl Umbria 1, con voto all'unanimità, punta il dito “sull'ennesimo atto assunto unilateralmente dalla direzione generale della Usl Umbria 1 che ha sospeso il pagamento di alcune indennità stipendiali, nonostante il parere contrario più volte manifestato dalla rsu stessa”.