Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nordio trova in Parlamento i numeri per la riforma della giustizia. E sulle intercettazioni…

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Sulla giustizia c’è una maggioranza parlamentare più ampia di quella scaturita dalle elezioni del 25 settembre. Al centrodestra si è aggiunto il Terzo polo di Renzi e Calenda nel dire sì alla relazione annuale del ministro Nordio. Forse è la volta buona per una riforma seria.
 Pd e Cinque stelle insistono sul solito ritornello: “Le intercettazioni non si toccano”. E il guardasigilli non si è fatto intimidire, chiarendo ancora una volta come stanno le cose: “Andremo avanti sino in fondo, non vacilleremo e non esiteremo. La rivoluzione copernicana sull'abuso delle intercettazioni è un punto fermo del nostro programma". E nessuno si azzardi a sostenere che si vogliano invece limitarne l’uso per mafia e terrorismo. Sono solo speculazioni politiche.

 


La gioia per la cattura di Matteo Messina Denaro mette il ministro nelle migliori condizioni per poter illustrare le sue idee al Parlamento.  
E con una risposta netta alle polemiche dei giorni scorsi: "Quando dico che i mafiosi non parlano per telefono alludo al fatto che nessuno di loro al telefono abbia manifestato volontà di delinquere o espresso una parola che sia prova di un delitto", chiarisce ribadendo che le captazioni servono soprattutto per individuare "i movimenti delle persone sospettate di mafia e terrorismo". 
Quindi è evidente che per quel tipo di reati si dovrà continuare ad andare avanti. 

 


Ma non sempre si può agire così, come se le intercettazioni non abbiano anche distrutto vite e reputazioni personali: "Altra cosa sono quelle giudiziarie che coinvolgono persone che non sono nè imputate nè indagate e che attraverso un meccanismo perverso e pilotato finiscono sui giornali e offendono cittadini che non sono minimamente coinvolti nelle indagini". 
Nordio non ha timore di dire quel che pensa: su questo terreno il governo andrà sino in fondo, assicura il ministro, spiegando tra l'altro che la possibilità di manipolare i colloqui captati c'è sempre stata, non è nata con il trojan. Ma la sinistra non ne vuole sapere…