Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

È nella scuola la sfida più impegnativa del governo Meloni. Per il domani

Esplora:

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Uno dei compiti più duri nel nuovo governo lo avrà il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara. Perché se c’è un luogo dove bisogna ricostruire seriamente è proprio nella scuola. Dove troppo spesso si trascurano elementari doveri di convivenza, dove si arriva anche allo scontro tra docenti e famiglie degli alunni. Siamo in presenza di un corpo docente troppo svillaneggiato in quest’epoca di sovversione dei valori tradizionali. L’Abc dovrebbe chiamarsi rispetto per chi insegna, capita esattamente il contrario.

 

 

Ci fu un tempo in cui se a scuola beccavi brutti voti a casa ti toccava prenderti anche le rampogne di mamma e papà. Oggi è l’insegnante che deve difendersi dai “perché ce l’hai con nostro figlio” da parte dei genitori. Quando non alzano addirittura le mani. Ecco, questa tendenza va davvero messa al bando con un degno lavoro di ricostruzione del tessuto scolastico. Esemplare quella storia di Pontedera: l’alunno sfotte il maestro, questi lo prende addirittura con un pugno, la madre del ragazzo nega al figlio il regalo di compleanno. Almeno impara il rispetto anche se il docente ha sbagliato pure lui. Occorre riuscire a frenare ogni eccesso.

 

 

Tutto questo succede - dice lo stesso Valditara - perché “nella scuola è saltato da tempo il riconoscimento della autorevolezza dei docenti. Dobbiamo ripristinarla nella società e nelle classi. Assistiamo ad una delegittimazione del docente che in qualche caso parte dalle famiglie”. È un tema di cambiamento culturale quello che si deve riportare nella scuola. È la sfida più impegnativa, probabilmente, e anche la più affascinante. Quella che serve all’Italia di domani. Per costruire una società preparata e anche disponibile al dialogo, che da troppo spesso manca ovunque assieme al rispetto. L’aggiunta del “Merito” all’Istruzione che identifica la denominazione del Dicastero impone una consapevolezza ancora maggiore da parte di tutti i protagonisti della scuola.