Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

De Benedetti cambi nome al “Domani”: ormai è l'Altroieri

Esplora:

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Il giornale di De Benedetti cambi nome: da Domani all’Altroieri. Solo luoghi comuni contro la premier, ogni giorno, in un crescendo di accuse oggettivamente esagerate.
Definire comizio il discorso programmatico di Giorgia Meloni in Parlamento è qualcosa di surreale. L’esordio di un’autentica novità a Palazzo Chigi; la sintesi del programma che ha avuto il consenso maggioritario degli italiani; l’orgogliosa rivendicazione del proprio percorso diventano un comizio. 
Ma ormai è il leit motiv del quotidiano di De Benedetti, che sogna di soppiantare altri giornali ben più diffusi del suo. Il problema è che ci si ferma agli slogan, senza alcuna capacità di approfondire i temi.


In fondo è la stessa crisi che parallelamente vede la sinistra politica in grande sofferenza. La stessa polemica su fascismo e antifascismo che cosa è se non l’altroieri, appunto? Altro che Domani
Probabilmente, visto che ci si schiera dalla parte dei perdenti, bisognerebbe spendere qualche pagina non sulle solite fesserie trite e ritrite, ma magari sul perché del consenso al centrodestra, a partire dalla Meloni.
Ha vinto una scommessa politica alternativa ad una sinistra che per troppi anni è stata autoreferenziale, allontanandosi sempre di più dai ceti sociali messi peggio: preferivano i salotti.
Lo Stato che domina cittadini e imprese; una giustizia usata contro il nemico politico; l’assenza di politica per la sicurezza; e soprattutto il lavoro sempre più assente hanno determinato il rigetto popolare.

 

 


E anziché interrogarsi su queste follie, Il Domani parte lancia in resta per demonizzare quelli che chiama “comizi”, anziché per ciò che rappresentano: l’alternativa netta ad un sistema di potere che ha fallito.
Riusciranno nella loro impresa Meloni, Salvini e Berlusconi? Il tempo ci dirà se ne saranno capaci. Per ora registriamo entusiasmo attorno al nuovo governo: è tornata la politica, ha detto qualcuno. Ed è assolutamente vero.