Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Un incubo l'Italia della sinistra con partner perennemente in lite

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Un giorno si accordano, quello dopo rompono. Ma anche se dovesse vincere “contro le destre”, questo centrosinistra sarebbe in grado di governare l’Italia con tutte le differenze che lo caratterizzano? Se ne dicono di tutti i colori, tra Calenda, Fratoianni e compagnia, e se si dovessero incontrare volerebbero botte da orbi. Hanno inventato le alleanze bipolari, che sembrano una cosa da matti, che pure nel passato furono sperimentate a destra, ma non ebbero fortuna a Palazzo Chigi (1994). Enrico Letta finge di non averlo capito: gli italiani vedono e “leggono” le alleanze e non possono fidarsi di partner così litigioso. Non basta che sinistra italiana dica sì alla trattativa col Pd, con una serie interminabile di condizioni fino all’alleanza da riprendere con i Cinque stelle, che arriva il solito Calenda a stroncare ogni intesa. E vorrebbero governare così l’Italia?

 

 

Apparentemente Calenda dice una cosa saggia: “Il punto è semplice. Si vince con una proposta credibile di Governo, molto chiara nel patto firmato con il Pd. Si perde se si aggiunge un patto contraddittorio rispetto al primo con gente che ha sfiduciato Draghi. Li eravamo, li siamo rimasti”. Figuriamoci leggendo le richieste della sinistra.

 

 

Basta un primo breve elenco di sintesi.“Totale autonomia in termini di programma, lista e prospettiva politica”, pretende Sinistra italiana. Fior da fiore tutto quello che può far imbestialire Carlo Calenda. “Investimento in scuola, sanità e trasporti pubblici e gratuiti; diritti civili, con il riconoscimento di pieni diritti per le persone lgbt e con il rilancio di una proposta di legge che garantisca l'uguaglianza e la pari dignità familiare; legalizzazione di cannabis ed eutanasia; impegno per la pace, il disarmo e il taglio della spesa militare”. Provate a immaginare che cosa potrebbe accadere nel prossimo Parlamento se vincessero Letta e soci. Casino generale. Calenda è avvisato, sibila Matteo Renzi da fuori. Gli italiani pure e non c’è dubbio che uno spettacolo simile sarà rigettato dagli elettori nelle urne. Un incubo da scacciare.