Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pd e Cinque stelle hanno fatto pagare a Draghi le loro manovre scellerate

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Si sono fatti male da soli, hanno preteso di dare le carte con arroganza, hanno buttato giù loro con insipienza il governo Draghi: è davvero incredibile la faccia tosta di Pd e Cinque stelle, che ora giocano – sia pure per ora divisi – a dare la colpa al centrodestra per la crisi che si chiude con il voto anticipato. Il centrodestra è stato prima spettatore della rottura tra Draghi e i pentastellati. Tutti abbiamo visto l’uscita dall’aula quando c’era da votare la fiducia a Palazzo Madama sul decreto aiuti. La scena successiva sono state le dimissioni del premier, respinte da Mattarella. Poi, le manovre più oscure tessute da Letta che pensava di poter essere il dominus che tutto decideva, sfasciare le alleanze altrui per comporre la propria. Non ha avuto né l’uno né l’altro degli obiettivi che tentava di perseguire.

 

 

Il centrodestra, incredibilmente maltrattato al Senato da Draghi, non si è messo a fare l’offeso. E ha formalizzato la proposta di un nuovo governo, ma senza quegli irresponsabili dei Cinque stelle e con il premier in carica sempre alla guida. In fondo, si sarebbe trattato di portare il paese alle urne circa cinque mesi dopo. Voto a marzo anziché in autunno. Invece, i signori della propaganda, attribuiscono le loro pazzie al centrodestra. Dimenticando quante volte hanno rischiato di far cadere la coalizione di emergenza nazionale per le loro smanie ideologiche. In ultimo le pretese su ius scholae e cittadinanza facile per gli immigrati.

 

 

No, è stata solo una commedia quella di Letta e Conte, a cui è sfuggito di mano il freno. E Draghi – che a un certo punto si è messo a dare retta al segretario del Pd – si è fatto fregare dal manovratore del Nazareno, col brillante risultato di far cadere tutto. Draghi si è dimesso per sua scelta la prima volta e per conseguenza di un errore fatale – la fiducia sulla risoluzione Casini – la seconda. È passato da 172 voti di fiducia la prima volta ad appena 95 la seconda. E se la prendono col centrodestra?