Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

De Magistris vuol fare il Melenchon italiano con la sua coalizione operaia

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Luigi De Magistris sogna di fare il Melenchon italiano e tenta di rimettere in piedi quell’estrema sinistra che da tempo attende di ricominciare a contarsi.
Del resto, col gruppone parlamentare tutto proiettato a sinistra e a sostegno di Draghi, gli spazi vanno cercati all’esterno dei palazzi della politica.
E lui, l’ex sindaco di Napoli, cerca di creare una specie di coalizione operaia tentando di restituire ossigeno a chi è ancora fuori dalle istituzioni.
In una delle città simbolo della sinistra, Bologna, è partita la festa cittadina di Rifondazione comunista, con diversi dibattiti previsti: pace, lavoro, scuola, ambiente e tutto quel che può servire alle tradizioni kermesse del genere.

 


Sarà domenica il clou politico, proprio con la presenza di De Magistris, con la sua ricetta per ricostruire una forza di sinistra. 
L’attenzione sarà concentrata sul dibattito serale, alle 19,30, proprio sul tema “Ricostruire la sinistra”. I promotori della festa lo indicano come “il tema dei temi in un’epoca in cui, in Italia, la sinistra sembra essere sparita e da tempo fatica a entrare in Parlamento”.
Al dibattito parteciperanno l’ex sindaco di Napoli Luigi De Magistris insieme al segretario nazionale del Prc, Maurizio Acerbo, alla coordinatrice di Sinistra Unita Dora Palumbo e alla portavoce di Potere al Popolo, Marta Collot.

 


Sarà difficile sottrarsi alla tentazione tipica del reducismo in occasioni del genere; ma non dovrebbe essere questa la tentazione dello stesso De Magistris, se le parole hanno un senso.
Nelle settimane scorse, l’ex sindaco ha indicato il suo orizzonte: "un laboratorio per una coalizione innovativa, credibile e coerente che parli in modo chiaro ai bisogni delle persone". L'obiettivo in vista è ovviamente il 2023, quando si tornerà al voto. Il tentativo è quello di proporre una lista a sinistra e alternativa a quello che sarà con ogni probabilità il cosiddetto 'fronte progressista', cioè Pd, M5S e Sinistra Italiana più Verdi.