Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pd sempre più prigioniero del giustizialismo pentastellato

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

L’Europa può attendere. Sulla giustizia Pd e Cinque stelle rischiano di franare pesantemente e allora preferiscono fuggire da ogni possibile voto. Eppure, è dal 2016 che l’Italia è chiamata dalla Ue a recepire la direttiva sulla presunzione d'innocenza, e su cui ha lavorato la ministra della giustizia Marta Cartabia. Ma il partito delle procure si fa sentire ed è terrorizzato dalla sola idea che si possa far fare passi in avanti ad una legislazione che trasformi il servizio giustizia in qualcosa di comprensibile per il cittadino comune. Si è innocenti fino al terzo grado di giudizio. Ma se basta un avviso di garanzia per massacrare un individuo che si aspetta ad adottare norme che rendano effettivo il principio costituzionale?

 

 

La stessa comunicazione stampa è essenziale ma fa litigare gli “alleati”. In commissione giustizia, il deputato di Azione Enrico Costa ha tentato di far passare una nuova modalità di diffusione delle notizie giudiziarie: parla solo il capo della Procura "quando è strettamente necessario” e se c'è “un interesse pubblico". Ovvero, fine degli show che seguono arresti con tanto di foto delle toghe portate in trionfo. Apriti cielo, la commissione è esplosa con i grillini che hanno cominciato a parlare uno dopo l’altro. Filibustering per impedire di votare quello che era un parere da rendere al governo. Sono impazziti e ci si è messo pure l’ex guardasigilli a sparare a zero sulla proposta di Costa.

 

 

E il Pd? Poverini, la pensano come il deputato di Calenda ma sono costretti a dire di no ad un parere che rabbuia i poveri pentastellati. Ormai al Nazareno sono prigionieri di un abito che non è certo il loro, soprattutto per quanto concerne la giustizia. Si chiama opportunismo politico, quello del Pd, perché si contrabbandano con le alleanze quelli che dovrebbero essere principi fermi e radicati in un partito che non pensavamo volesse passare alla storia come il penultimo giustizialista. Preferiscono i Cinque stelle, ma così fanno male proprio alla giustizia.