Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Per Lerner la Meloni è una Mussolini pre 1922. Ormai è linciaggio a mezzo tv

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

A Gad Lerner manca Lotta Continua. Altrimenti non c’è spiegazione plausibile alle sue intemerate. Ogni volta che se ne esce con i suoi giudizi sulla destra, c’è sempre un nugolo che si forma e definisce ributtante ciò che scrive. Quando parla è peggio ed è capace di sfornare pietanze davvero indigeste. L’ultima riguarda Giorgia Meloni paragonata a Benito Mussolini pre 1922. L’ha detto a La7 ed era tutto contento della bestemmia. Perché per lui se si parla di popolo contro le elite finanziarie si torna pari pari al periodo fascista.

 

 

Gad Lerner, insomma, attacca la presidente di Fratelli d’Italia per la sua critica serrata anzitutto al modello finanziario ed economicistico preteso dall’Unione europea. In cui i diritti sociali delle persone vengono compressi. Ma è anche la grande differenza che c’è in tutto il mondo, quindi anche oltre il nostro Continente, perché ovunque c’è ribellione rispetto alla prevalenza di una politica teleguidata da poteri sempre più forti ed irresponsabili. Non noi, ma Carlo Calenda dà a Lerner il giudizio che merita dopo lo spettacolo offerto nella trasmissione della solita Lilli Gruber, a cui non pare vero di propinare turpiloqui politici ai suoi ascoltatori: “Follia, ignoranza e irresponsabilità”, dice il leader di Azione al compagno Lerner. È difficile dargli torto.

 

 

Quali elementi può sfoggiare Lerner a sostegno di una tesi irricevibile? Quali pagine del libro della Meloni possono far immaginare il sogno di una dittatura al posto della democrazia? Ha bisogno, Lerner e quelli come lui, di individuare ancora il pericolo fascista in Fdi? Crediamo che questa deriva sia oggettivamente pericolosa, inaccettabile, fuoriluogo. Sì al dissenso nei confronti di qualunque forza politica, no al dileggio sparso a piena voce persino nelle televisioni come se fossero comizi. Anche i giornalisti di estrema sinistra hanno il dovere del rispetto verso personalità politiche che non stimano. Incendiare ulteriormente il clima mina la democrazia. Ci si calmi, per favore.